ELEZIONI REGIONALI
 / Sanità

Sanità | 04 aprile 2024, 11:59

Negli ospedali AslTo3 riparte la campagna di screening gratuito contro HCV-Epatite C

L'Open Day sabato 6 e sabato 20 aprile

L'ospedale di Pinerolo

L'ospedale di Pinerolo

Anche per il 2024 l’AslTo3 è impegnata a promuovere l’adesione allo screening contro l’HCV, il virus responsabile dell’Epatite C, aumentando i punti di accesso per la popolazione. Gli Open Day coinvolgeranno infatti i tre ospedali di Rivoli, Pinerolo e Susa e anche alcuni ambulatori del territorio.

Il test è gratuito per tutti i residenti sul territorio dell’AslTo3 nati tra il 1969 e il 1989. Non è necessaria la prenotazione, basta presentarsi presso i centri sotto indicati nelle date e orari di apertura, mostrando la propria tessera sanitaria.

Il test è per ora offerto una volta sola: chi ha già eseguito il test nel 2022 o nel 2023 non potrà ripresentarsi per ripeterlo. 

Le prime due giornate saranno sabato 6 aprile e sabato 20 aprile: l’accesso è diretto e gratuito. 

 

Sabato 6 aprile:

• Ospedale di Rivoli, via Rivalta 29 – ingresso principale – in orario 8.30 – 11.30

• Ospedale Agnelli di Pinerolo, via Brigata Cagliari 39 – ingresso principale – in orario 8.30 – 11.30

• Ospedale di Susa, corso Inghilterra 66 – ingresso principale – in orario 8.30 – 11.30

• Villa Rosa di Collegno, via Torino 1 – ingresso principale – in orario 8.30 – 11.30

 

Sabato 20 aprile:

• Ospedale di Rivoli, via Rivalta 29 – ingresso principale – in orario 8.30 – 11.30

• Ospedale Agnelli di Pinerolo, via Brigata Cagliari 39 – ingresso principale – in orario 8.30 – 11.30

• Polo Sanitario di Venaria Reale, via Don Sapino 152 – ingresso principale– in orario 8.30 – 11.30

• Poliambulatorio di Orbassano, piazza Carlo Alberto Dalla Chiesa, 1 – in orario 8.30 – 11.30

 

Cos’è l’infezione da HCV

L’Epatite C è un’infezione del fegato causata dal Virus dell’Epatite C (HCV).

La malattia si trasmette entrando in contatto con il sangue di una persona infetta anche in quantità non visibili, ad esempio attraverso la condivisione di rasoi, tagliaunghie o spazzolini, tatuaggi o piercing non regolamentati, condivisione di aghi o siringhe, esposizioni sanitarie. L’infezione può perdurare per un breve periodo di tempo, quasi sempre senza sintomi, e guarire. In alcuni casi può invece persistere nel fegato e diventare cronica (ciò avviene nell’85% delle persone infette). In questo caso e in assenza di adeguate terapie le conseguenze possono essere gravi: il 20-30% dei pazienti con epatite cronica C sviluppa nell’arco di 10-20 anni la cirrosi epatica e l’1-4% un cancro al fegato.

 

L’infezione è spesso misconosciuta e può non dare segni allarmanti per lungo tempo.
Per questo è fondamentale rintracciare il virus nelle fasi iniziali e nei soggetti asintomatici
, così da poter intraprendere le corrette terapie, che consentono di eradicare il virus nel 95-98 % dei casi e guarire, oltre a prevenire il contagio di altre persone. 

Attualmente non esiste un vaccino per la prevenzione dell’infezione.

 

Per info: https://www.aslto3.piemonte.it/servizi/prevenzione/screening-epatite-c/

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium