/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 17 luglio 2023, 10:34

Le rsa hanno bisogno di personale: in Piemonte "servono subito cinquemila oss. Altrimenti sarà tilt"

Colaci (Api Sanità): “Si rischia in poco tempo la paralisi di tutto il sistema socio-assistenziale”

Anziano con le mani sul bastone di legno

Nelle rsa del Piemonte mancano almeno 5000 Oss

Quello delle rsa non è un mondo facile. Non lo è stato durante la pandemia, con tutte le difficoltà che ne sono emerse. Ma non lo è nemmeno adesso, visto che quella del personale è un'emergenza costante. Infermieri, ma anche Oss, ovvero gli operatori socio sanitari che quotidianamente assistono gli ospiti in tutte le loro esigenze.
Secondo Api Sanità Torino e Confapi Sanità Piemonte, in tutta la regione mancherebbero almeno 5000 professionisti. Fin da subito. “La carenza in Piemonte  di operatori socio-sanitari ci pone dinanzi ad una vera e propria emergenza sociale. Se non verrà trovata una rapida soluzione al  problema, si rischierà di non poter prestare adeguati servizi socio-sanitari a tutta la popolazione anziana della nostra regione mettendo anche in grave crisi tutte le RSA del territorio piemontese”, dice Michele Colaci, presidente di API Sanità Torino e di Confapi Sanità

La proposta è, secondo Colaci, di "Prorogare la dgr. 4 per gestire l'immediata emergenza e introdurre figure complementari come le Adest, Ota e gli assistenti familiari. Infine, chiediamo di rimodulare i corsi Oss per adeguarli ai fabbisogni regionali, allargandoli alla platea degli istituti formatori autorizzati”. “In mancanza di questi semplici provvedimenti - conclude -, nel giro di poco tempo, tutto il sistema entrerà in crisi”. 

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium