/ Sanità

Sanità | 13 febbraio 2019, 07:33

AslTo3, dopo l'incontro con i sindacati, i sindaci parleranno con Boraso

Si è tenuto questa mattina a Collegno il vertice voluto dal primo cittadino Francesco Casciano. Adesso si organizzerà un colloquio con il direttore generale. Intanto, nei giorni scorsi le sigle hanno partecipato a Pinerolo all'iniziativa contro la riorganizzazione dei laboratori analisi

AslTo3, dopo l'incontro con i sindacati, i sindaci parleranno con Boraso

Si è tenuto nella giornata di ieri l'incontro organizzato dal sindaco di Collegno, Francesco Casciano, alla presenza degli altri primi cittadini del territorio e delle rappresentanze sindacali che hanno dichiarato lo stato di agitazione per la AslTo3.

Erano presenti presso la Sala Consiliare del Comune le sigle Fp CGIL – CISL Fp – Nursing Up – FSI Usae – FSI Democratici. "Abbiamo accettato la proposta d’incontro avanzata dalla Rappresentanza dei Sindaci, perché finalizzata a comprendere e approfondire le motivazioni della vertenza in atto - si legge in una nota diffusa dai rappresentanti dei lavoratori -. Nel corso dell’incontro abbiamo esposto le motivazioni e le rivendicazioni sindacali, molte delle quali inerenti alla salvaguardia dei servizi per i cittadini come la riorganizzazione laboratori analisi, posti letto ospedalieri, case della salute e liste d’attesa". 

I sindaci, dopo aver ascoltato le istanze e le richieste sindacali, hanno preso l’impegno di avere un confronto con il direttore generale della AslTo3, Flavio Boraso, al fine di favorire un incontro tra le parti. 

Intanto, proprio sul tema dei laboratori analisi, le stesse sigle lunedì sera hanno partecipato all’incontro pubblico organizzato a Pinerolo che aveva lo scopo di lanciare la raccolta firme per la modifica della DGR 50 ed in difesa del Laboratorio Analisi Unificato dell’ASL TO3. "Aderiamo convintamente a questa iniziativa sostenendo la raccolta firme che si concluderà il 28 febbraio prossimo, così come abbiamo aderito alla raccolta firme che si sta svolgendo sul territorio di Rivoli", spiegano.

"Esprimiamo preoccupazione riguardo al rischio di “spezzatino” che potrebbe risultare dalla stesura della nuova DGR, che potrebbe lasciare senza risposte i Laboratori dell’ASL TO3 o addirittura peggiorare la precedente. Il rischio è che i prelievi eseguiti nelle sedi periferiche debbano continuare ad essere smistati nelle attuali sedi dei laboratori dell’ASL TO3 e poi inviati al Mauriziano o al San Luigi, dove finalmente verrebbero analizzati. Ipotesi che lascerebbe scontenti tutti, senza che vi siano benefici per utenza e lavoratori o risparmi economici, per non parlare del rischio di minor qualità del risultato analitico".

"Riteniamo - concludono - che la soluzione migliore sia di lasciare tutto invariato, in considerazione che mancano 3 mesi alle elezioni, e che sia la nuova Giunta a decidere nel merito della riorganizzazione dei Laboratori della Zona Ovest di Torino".

Massimiliano Sciullo

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium