/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 04 aprile 2024, 15:57

Le Pastiglie Leone "raddoppiano" e lanciano la nuova Fabbrica della Felicità: "Portiamo gioia e sviluppo economico"

Inaugurato il cantiere dei un secondo stabilimento a Collegno, che sorgerà a fianco di quello già esistente concentrandosi sulla lavorazione del cioccolato per produrre praline

Le Pastiglie Leone "raddoppiano" e lanciano la nuova Fabbrica della Felicità: "Portiamo gioia e sviluppo economico"

Prendere un marchio storico e proiettarlo nel futuro, portando avanti una grande tradizione dolciaria torinese grazie all'innovazione, al marketing e all'internazionalizzazione: è questo l'obiettivo della famiglia Barilla per le Pastiglie Leone, rilevate nel 2018. Da oggi il progetto si espande ulteriormente grazie all'inaugurazione del cantiere del nuovo stabilimento di via Italia 46 a Collegno, ribattezzato "La Fabbrica della Felicità".

Un impianto per il cioccolato "aperto"

Il nuovo impianto produttivo sarà aperto alla cittadinanza e lavorerà soprattutto cioccolato grezzo (che al momento rappresenta il 10% della produzione totale, mentre il restante 90 riguarda le caramelle) – recuperando anche l'antica macinatura a pietra – per produrre praline unendo confetteria, cioccolateria e pasticceria. A questo si aggiungeranno uno spazio museale, percorso esperienziale interattivo con un caffè e spazi verdi: "Vogliamo - ha dichiarato la presidente della Leone Michela Petronio – portare felicità e sorrisi, riproducendo quei sorrisi e quella gioia che una caramella Leone può suscitare in chi le assapora. Sarà uno spazio dove divertirsi e rilassarsi entrando in un mondo magico pieno di storia e scoprendo i segreti della nostra fabbrica".

Gli investimenti

La Fabbrica della Felicità verrà realizzata grazie ad un investimento di circa 30 milioni di euro, con l'apertura fissata per l'autunno del 2025. L'obiettivo è quello di aumentare l'occupazione facendo salire del 15% il numero dei dipendenti, che al momento si assesta sulle 85 unità, rivisitando anche il packaging dei prodotti e puntando sul marketing con la realizzazione della prima pubblicità televisiva. Altri dati riguardano il fatturato, che nel 2023 è cresciuto del 10% arrivando a 12 milioni di euro (il 30% proviene dall'estero): "Rilevare - ha proseguito Petronio – e investire in un marchio storico che aveva bisogno di rilancio è stata una scelta fatta con coraggio: abbiamo l'intenzione di promuovere prosperità e sviluppo economico, portando Torino in giro per il mondo".

L'entusiasmo delle istituzioni

Il progetto è stato accolto con grande entusiasmo anche dalle istituzioni: "Imprenditori come loro - ha commentato l'assessore al bilancio della Regione Piemonte Andrea Tronzano – hanno la forza, l'abilità e l'istinto di vedere il futuro facendo cose meravigliose". "Torino - ha aggiunto il pari grado al commercio della Città Paolo Chiavarino – è la capitale del settore dolciario e le Pastiglie Leone sono un'eccellenza dal 1857: è importante svilupparla mantenendo intatte certe caratteristiche". "Da qui - ha concluso il sindaco di Collegno Francesco Casciano – riparte il Piemonte operoso che vuole costruire in un territorio vocato all'industria".

Marco Berton

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium