/ Sanità

Sanità | 14 luglio 2023, 17:55

Sanità, patto Regione-sindacati: confermate le 2000 assunzioni. E un Osservatorio extralarge per vigilare sulle promesse [VIDEO]

L’investimento sarà di 175 milioni di euro: coinvolte le università e gli specializzandi. Al tavolo presenti 16 sindacati di categoria. L’obiettivo? Cambiare marcia in Piemonte

osservatorio personale sanitario

Inaugurato l'osservatorio sulla sanità del Piemonte: 2000 nuove assunzioni

Invertire la rotta, assumere per cambiare marcia. E’ stato firmato oggi il protocollo per avviare l’osservatorio sulla sanità in Piemonte. L’obiettivo, messo nero su bianco, è ambizioso: assumere 2.000 professionisti sanitari entro il 2024.

Non solo. La volontà è quella di far rientrare, tramite reinternalizzazioni, i fondi che il Piemonte affida all’esterno.

Si ricomincia ad assumere nella sanità pubblica in Piemonte: non accadeva da 15 anni.  Il nuovo ‘Osservatorio regionale in materia di risorse umane in sanità’ insediato oggi diventa lo strumento attraverso il quale la sanità piemontese, sindacati, Regione e Asl, definiscono i fabbisogni di ciò che manca in termini di personale negli ospedali”, ha spiegato Alberto Cirio. Il piano è da 175 milioni di euro, richiesti allo Stato e al Governo, all’interno dei fondi di coesione dell’UE. “Oggi il Piemonte affida all’esterno 136 milioni di euro l’anno nella sanità. Entro il 2024 vogliamo riportare il 20% di quello che diamo fuori”, ha ribadito Cirio.

Centrale, in tal senso, il coinvolgimento nell’accordo delle università. “Definiamo nuove regole per la specializzazione dei nuovi medici. L’obiettivo è dare risorse per assumere 2.000 persone nella sanità entro il 2024: medici, oss, infermieri, personale amministrativo”. “Più medici riusciremo ad assumere, meno ricorreremo ai gettonisti”, ha affermato il Governatore

 

Sul tema del sempre più ricorrente utilizzo dei privati per aiutare il pubblico, Cirio ha affermato: “La sanità deve avere i piedi impiantati nel pubblico. Ma rigetto i  pregiudizi verso i privati. Il rapporto può essere integrativo e complementare, mai sostitutivo”. 

E sulla diaspora che ha visto i medici migrare e abbandonare il pubblico, l’assessore regionale alla Sanità Luigi Icardi ha ammesso: “Le figure scarseggiano per la storica ed errata politica della formazione. Avevamo 257 borse di studio, le abbiamo portate a 1050, ma non tutte sono occupate. Va superato il numero chiuso”. “Avevamo chiesto al ministro Speranza e richiesto al ministro Schillaci un provvedimento emergenziale per superare i vincoli che oggi abbiamo con gli specializzandi. Come si convince un medico a rimanere nel pubblico? Sicuramente con incentivi economici, che hanno il loro peso positivo”, ha concluso. 

Andrea Parisotto

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium