/ Sanità

Sanità | 25 gennaio 2023, 12:48

Cure palliative, nuovi posti Hospice e nuovi ambulatori nel territorio dell’Asl To3

Terzo settore e Aziende sanitarie si mettono insieme per le cure palliative

Da sinistra Francesco Arena (San Luigi), Franca dall'Occo (AslTo3), Eugenia Malinverni (Luce per la Vita), Luigi Stella (Faro)

Da sinistra Francesco Arena (San Luigi), Franca dall'Occo (AslTo3), Eugenia Malinverni (Luce per la Vita), Luigi Stella (Faro)

Una convenzione per rafforzare la rete e i servizi delle cure palliative e di fine vita in AslTo3, dall’ospedale agli ambulatori del territorio alle cure domiciliari: l’hanno sottoscritta questa mattina Franca Dall’Occo, direttore generale AslTo3, Francesco Arena, direttore generale Aou San Luigi Gonzaga, e Eugenia Malinverni, presidente di Luce per la Vita Onlus, capofila di un’Associazione temporanea di scopo costituita anche da  F.A.R.O. ETS – Fondazione Assistenza Ricerca Oncologica Piemonte e Cooperativa P.G. Frassati.

L’Ats ha risposto all’avviso pubblico lanciato dall’AslTo3 per la co-progettazione e realizzazione di una rete di sostegno al fine vita e degli interventi di cure palliative nel territorio di pertinenza dell’A.S.L. TO3, ad integrazione e sviluppo della Rete Locale di Cure Palliative esistente.

La collaborazione, della durata di nove anni ha lo scopo di aumentare l’offerta di servizi e migliorare la cultura del fine vita fra la popolazione e gli stessi operatori sanitari.

Due nuove ambulatori in Val di Susa stanno per partire, i primi giorni di febbraio – dichiara Franca Dall’Occo, direttore generale dell’AslTo3 – come nuovo punto di riferimento per quel territorio e nell’arco dei nove anni della collaborazione siglata oggi saranno attivati altri servizi, progettati insieme agli enti del terzo settore, che in questo particolare ambito hanno una tradizione consolidata di assistenza alla persona che la sanità pubblica non può che condividere, nel cercare di migliorare il più possibile la qualità della vita dei malati terminali e dei loro familiari”.

“Grazie alla sinergia con le associazioni – sottolinea Francesco Arena, Direttore generale del San Luigi Gonzaga – i posti letto dell’Hospice del nostro ospedale, da sempre gestito dalla fondazione Luce per la Vita raddoppieranno, passando da otto a sedici, rispondendo alla richiesta del territorio. La disponibilità di posti in Hospice amplia la possibilità per i pazienti e i loro familiari, quando possibile, di affrontare una delicatissima necessità di assistenza potendo contare su cure qualificate in un ambiente dedicato a questa particolare fase della vita”.

Le cure palliative – conclude Eugenia Malinverni, presidente di Luce per la Vita – assicurano la migliore qualità di vita possibile per le persone affette da malattie inguaribili, evolutive e irreversibili nei luoghi dove ciascuno decide di stare, anche in relazione alla trasformazione della rete sociale che non sempre prevede la presenza di un caregiver. Non sono mai secondari i familiari del paziente: anche a loro devono poter essere garantiti mezzi e strumenti per accompagnare i loro cari nell’ultima fase della loro vita e per poterne elaborare la perdita”.

Comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium