/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 01 dicembre 2022, 18:55

Io Lavoro celebra il modello delle Academy: “Diamo un futuro ai giovani e alle imprese” [VIDEO]

Grande successo per la più importante Job fair italiana. La promessa di Chiorino: “Stanno partendo due Academy, entro il 1° dicembre 2023 vogliamo avere strutturate le altre”

Io Lavoro celebra il modello delle Academy: “Diamo un futuro ai giovani e alle imprese”

Io Lavoro celebra il modello delle Academy: “Diamo un futuro ai giovani e alle imprese”

Si è conclusa con la celebrazione del successo delle Academy e la promessa di completare il progetto entro il 1° dicembre del 2023 la 58esima edizione di Io Lavoro, andata in scena al Lingotto Fiere.

Tanti i giovani e non che hanno incontrato le aziende presenti. Grande la partecipazione ai 54 eventi tenuti da oltre 100 realtà tra aziende e agenzie per il lavoro e per le WorldSkills, con la premiazione dei campionati dei mestieri.

Chiorino: “Academy e competenze le parole chiave”

Sono soddisfatta perché è un’edizione che ci ha visti ritornare in presenza, con grande partecipazione e attenzione su tutti i workshop, con relatori di grandissima qualità. Abbiamo cercato di trasmettere tutte le informazioni che è bene che i cittadini abbiano, lavorando il più possibile all’incrocio tra domanda e offerta con colloqui in loco. Importante poi, lato imprese, aver cercato di capire le loro esigenze, declinandole in percorsi per i ragazzi e per chi, uscito dal mondo del lavoro, ci vuole rientrare” è il commento di Elena Chiorino, assessore al Lavoro della Regione Piemonte.

Chiorino ha speso due giorni a incontrare professionisti, studenti e partecipare a dibattiti uniti da due fili conduttori: Academy e competenze. “Abbiamo bisogno della competitività delle imprese perché tengano alto il valore aggiunto del made in Italy: per essere competitivi abbiamo bisogno di competenze, ma per avere competenze abbiamo bisogno di formazione di qualità”.

Ci proviamo con la grande sfida delle Academy di filiera, ne stanno partendo due e sulle altre lavoriamo nel 2023 per averle strutturate entro un anno. Vogliamo rendere più puntale l’incrocio tra domanda e offerta e per dare garanzia di futuro ai giovani e alle imprese, al Piemonte e alla nazione” ha concluso l’assessore.

La lettera del ministro Valditara a Io Lavoro

Il rilancio e il potenziamento della filiera tecnico professionale si realizza secondo due direttrici: la riforma dell'Istruzione tecnica professionale e dell'istruzione e formazione professionale, la riforma del sistema Its. si tratta di riforme previste dal Pnrr” è il commento di Giuseppe Valditara, ministro dell’Istruzione e del Merito, che ha voluto mandare una lettera ai presenti. “Sarà inoltre mio impegno adoperarmi per strutturare un sistema integrato in cui sia sempre più e meglio garantito lo sviluppo di valide competenze nel passaggio tra il sistema di istruzione secondario e quello terziario, in particolare nel passaggio al sistema degli Its Academy che ritengo sia una componente strutturale del sistema di istruzione nazionale” ha promesso il ministro. 

Il ministro Calderone: “Guardo con attenzione alle Academy”

A confermare l’importanza di una Jobs Fair come Io Lavoro, anche il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Marina Elvira Calderone: “Il vostro appuntamento rappresenta un riferimento anche per la varietà delle dimensioni del lavoro che vengono coinvolte: dall’orientamento formativo ai fabbisogni delle realtà delle diverse aziende del territorio; dai servizi per il lavoro alla promozione dell’autoimpiego”.

L’azione a supporto dell’apprendistato di alta formazione e delle esperienze di rapporto tra il sistema pubblico e quello privato è per me molto apprezzabile. Così com l’attenzione a quella formazione tecnica che lega alla domanda delle nostre filiere produttive la risposta dell’offerta formativa e dei servizi per il lavoro del territorio. Guardo con attenzione, pertanto, al modello piemontese “Academy in filiera”, creato per meglio rispondere al rinforzo di tutte le competenze necessarie alle aziende” ha concluso il ministro.

Cirio: “Le imprese ci dicono che hanno bisogno di giovani con determinate competenze“

Si è trattata di un’edizione importante perché quella del ritorno in presenza” è il commento di Alberto Cirio, collegatosi per un saluto. Anche il  presidente della Regione Piemonte ha ribadito l’importanza del progetto Academy: “Testimonia la filosofia con cui il governo regionale vuole approcciare il tema. Le imprese ci dicono che hanno bisogno di giovani con determinate competenze, che non sempre la scuola riesce a trasmettere e questo è un campanello d’allarme”. “Il curriculum dei giovani e non va declinato in base alle esigenze del mercato del lavoro, ecco perché serve una scuola permeabile. Il Piemonte ha tante vocazioni, le Academy le rispettano e le valorizzano con un percorso adeguato alle istanze di quella specifica vocazione” ha concluso il governatore.

Gay (Confindustria Piemonte): “Dobbiamo competere a livello nazionale e internazionale” 

Le imprese chiedono competenze. E’ fondamentale in questo momento di trasformazione digitale, ecologica e sociale, mirare la formazione sui bisogno delle aziende nel rispetto del percorso dei lavoratori: dobbiamo competere a livello nazionale e internazionale, questa è la via maestra” è la riflessione lasciata da Marco Gay, presidente di Confindustria Piemonte.

Andrea Parisotto

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium