/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 10 luglio 2024, 07:00

Un riscaldatore di tabacco e  sigaretta elettronica: analogie e differenze

Grazie alle novità entrate in commercio a partire dai primi anni, il mercato dei prodotti per fumatori adulti si presenta oggi piuttosto variegato.

Un riscaldatore di tabacco e  sigaretta elettronica: analogie e differenze

Grazie alle novità entrate in commercio a partire dai primi anni, il mercato dei prodotti per fumatori adulti si presenta oggi piuttosto variegato. In particolare, la sigaretta elettronica (e-cig) e i dispositivi scalda tabacco hanno riscontrato un discreto successo, affermandosi come alternative al fumo tradizionale. A causa del diffuso utilizzo di definizioni - sfruttate anche a livello commerciale - non sempre corrette o precise, le differenze che contraddistinguono una e-cig da un riscaldatore di tabacco spesso appaiono meno evidenti di quanto non siano. I due prodotti, pur condividendo alcune affinità, sono piuttosto diversi fra loro. Nei successivi paragrafi  vediamo cosa c’è da sapere in merito al funzionamento e altri aspetti dei due prodotti.

I principi tecnici di un riscaldatore di tabacco

Come lascia intuire il nome stesso, il riscaldatore di tabacco è un dispositivo elettronico che scalda il tabacco anziché bruciarlo, andando a produrre così un vapore che contiene nicotina. Inoltre, a differenza dei tradizionali prodotti da fumo, il processo di riscaldamento non produce cenere*.

Il tabacco è invece contenuto in una miscela e viene confezionato in stick monouso. Questi stick vanno inseriti nella camera di riscaldamento del dispositivo, ovvero uno slot le cui dimensioni combaciano con quelle dei prodotti compatibili. Nei riscaldatori, per evidenti motivi di sicurezza, non possono essere inserite sigarette, sigari o altri prodotti.

Il processo di riscaldamento si concretizza grazie a un apposito sistema interno al dispositivo, il quale è alimentato dalla batteria agli ioni di litio. Dal punto di vista tecnologico le due soluzioni maggiormente utilizzate sono:

-        la Induction Heating Technology che si fonda sul principio del riscaldamento a induzione. La camera di riscaldamento è avvolta da una bobina in metallo: quando viene percorsa dalla corrente elettrica, viene generato un leggero campo elettromagnetico che sprigiona il calore mediante il quale viene riscaldata la miscela di tabacco. Tra i prodotti che utilizzano questo tipo di tecnologia figurano i dispositivi glo™, sviluppati da BAT, utilizzati non solo per scaldare le miscele di tabacco, ma anche per quelle a base di erbe (foglie di Rooibos), arricchite con nicotina.

-        il riscaldamento resistivo, che sfrutta un elemento in grado di fungere da resistenza elettrica, andando a generare calore quando viene attraversato dalla corrente elettrica. In questa soluzione viene sfruttato una sorta di “attrito”, in virtù della parziale resistenza opposta dall’elemento all’attraversamento della corrente.

A entrambi i sistemi sono abbinati dispositivi di controllo (sensori e software), mediante i quali il dispositivo è in grado di controllare il profilo di temperatura - che può sfiorare i 300° - per il riscaldamento del tabacco.

Sigaretta elettronica: un prodotto  senza tabacco

La denominazione commerciale di “sigaretta” può trarre in inganno ma, in realtà, le e-cig sono dispositivi elettronici per consumatori adulti che non contengono tabacco. Anch’essi producono un aerosol al cui interno è presente anche una certa quantità di nicotina, ma il tutto avviene tramite un processo di vaporizzazione. Questi dispositivi sono dotati di un atomizzatore in grado di trasformare una soluzione liquida - spesso aromatizzata con fragranze di vario genere - in vapore. Per i motivi di cui sopra, l’utilizzo delle sigarette elettroniche viene spesso indicato come svapo o svapare (dall’inglese vaping). 

Il liquido destinato alla vaporizzazione contiene alcune sostanze quali il glicole propilenico, la glicerina vegetale e il glicerolo, oltre a una percentuale variabile (che può essere anche nulla) di nicotina. È commercializzato  all’interno di una cartuccia, che è ricaricabile dall’esterno per i prodotti a sistema “aperto”, mentre è usa e getta in quelli a sistema “chiuso”.

Analogie e differenze

In sintesi ealla luce di quanto evidenziato fin qui, e-cig e riscaldatori sono prodotti distanti tra loro, seppure con qualche affinità. Entrambi sono dispositivi elettronici contenenti nicotina, per fumatori adulti, ma solo i riscaldatori consentono di consumare tabacco vero e proprio. Questo aspetto rappresenta la principale differenza tra i due tipi di prodotti: uno utilizza soluzioni liquide destinate alla vaporizzazione, l’altro scalda miscele a base di tabacco o erbe essiccate.

*glo™ scalda il tabacco senza bruciarlo. Genera un aerosol di tabacco, meno odore e nessuna cenere rispetto a una sigaretta quando viene fumata. Questo prodotto non è privo di rischi e contiene nicotina, che crea dipendenza. 

Powered by glo™
 

18+ Only. Prodotto destinato esclusivamente a consumatori adulti. Questo prodotto non è privo di rischi e contiene nicotina, una sostanza che crea dipendenza.

Richy Garino

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium