/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 24 novembre 2023, 17:22

TE Connectivity, la vertenza dell'azienda di Collegno si sposta sotto il Grattacielo della Regione Piemonte

I lavoratori temono per 222 posti che la multinazionale vuole tagliare. "È necessario lavorare affinché venga trovata una soluzione industriale da parte del gruppo alternativa alla delocalizzazione"

grattacielo della Regione Piemonte

Si sposta sotto il grattacielo della Regione la protesta dei lavoratori della TE Connectivity di Collegno

Sono stati al centro dell'attenzione questa mattina, in occasione della manifestazione che Cgil e Uil hanno organizzato nel centro di Torino per lo sciopero contro il governo Meloni e contro la manovra di Bilancio. Ma, così come gli operai di Lear di Griugliasco, anche i lavoratori di TE Connectivity di Collegno non si rassegnano a un destino che preveda il licenziamento.

Ecco perchè, a difesa dei quasi 222 posti di lavoro che sono sotto schiaffo (su 300 totali), martedì 28 novembre si sono dati appuntamento sotto il grattacielo della Regione Piemonte, in via Nizza. L'obiettivo è portare all'attenzione del consiglio regionale la drammatica situazione dell'azienda che rischia la chiusura. 


"Chiederemo un sostegno rispetto alla vertenza avviata a seguito della decisione della multinazionale svizzero-americana di delocalizzare tutte le produzioni presenti mettendo a rischio 222 posti di lavoro - dicono Marco Barbieri, Fim Cisl Torino e Giorgia Perrone, Fiom Cgil Torino -. Chiederemo al Consiglio Regionale, e a tutte le forze politiche, di farsi parte attiva sui vari tavoli istituzionali. È necessario lavorare affinché venga trovata una soluzione industriale da parte del 

gruppo alternativa alla delocalizzazione".

"La chiusura della TE Connectivity - concludono - provocherebbe un’ulteriore perdita produttiva e occupazionale in un territorio già pesantemente segnato da altre crisi industriali".

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium