/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 08 settembre 2023, 16:22

Per Banca d'Alba un utile da 40 milioni nei primi sei mesi del 2023. "Torino la zona di maggior crescita"

Presentati al Circolo dei Lettori i dati della relazione semestrale. In città i soci sono cresciuti del 120% negli ultimi 10 anni, i volumi sono, invece, raddoppiati a 3 miliardi

banca d'alba al circolo dei lettori

La conferenza stampa di Banca d'Alba svoltasi al Circolo dei Lettori di Torino

Numeri e parole chiavi che delineano un futuro basato sulla vicinanza al territorio e alle sue esigenze con un occhio al mercato e uno alle relazioni con i clienti. Banca d'Alba ha scelto Torino per presentare il nuovo direttore generale Enzo Cazzullo, in carica dal 1° giugno, e i dati della relazione semestrale.

La crescita è equilibrata e costante: nei primi sei mesi l'utile è stato di 40 milioni, in linea con gli 80 milioni finali del 2022, ma sono i numeri degli ultimi dieci anni che delineano una crescita continua e costante, come spiega Cazzullo: "La redditività dal 2013 è stata di 264 milioni di euro, i soci sono arrivati a 62.462, con un aumento del 40%: i volumi sono cresciuti del 45% toccando quota 11,3 miliardi".

Attualmente Banca d'Alba può contare su 73 filiali, 8 sportelli mobili, 5 centri medici e la nuova “Casa della salute” a Vische, nel Canavese, a cui i soci possono rivolgersi, accedendo gratuitamente a trattamenti fisioterapici.

La cornice di Torino, per celebrare l'evento, non è stata una semplice scelta estetica o logistica: "Torino, con 22 filiali, 14 in provincia, è la zona in cui Banca d'Alba cresce di più. Sempre negli ultimi 10 anni i volumi sono raddoppiati, da 1,5 a 3 miliardi, come è raddoppiato il numero di clienti, mentre la quantità dei soci è aumentata del 120%. L'incidenza dei volumi del Torinese sul totale della banca, poi, è passata dal 19% del 2013, al 35% del 2023", aggiunge Cazzullo.

Alla base dei numeri così postivi c'è un metodo preciso: "Lavoriamo su due fronti, rafforzando la solidità patrimoniale di Banca d’Alba e preservando l’unicità del modello di servizio, focalizzato sulla copertura capillare del territorio in cui opera e sulla relazione con la clientela, ponendo prima di tutto il socio e il cliente al centro", conclude il direttore generale.

Il futuro riserva diverse novità, tra cui due prossime aperture in Piemonte: a Verbania e a Novara. “Banca d’Alba si è posta l’ambizioso obiettivo di mantenere una presenza capillare sui propri territori di vocazione, non solo nei principali centri urbani, ma anche e soprattutto in quelle realtà in cui la desertificazione bancaria rappresenta un ostacolo allo sviluppo e al mantenimento dell’economia. In 14 comuni su 60 un nostro sportello rappresenta l’unico istituto bancario di riferimento per i cittadini”, afferma il presidente Tino Cornaglia.

Daniele Vaira - TargatoCn

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium