/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 06 settembre 2023, 10:42

Blocco Euro 5, i commercianti di Torino in pressing sul Governo: "Il rinvio è il minimo indispensabile"

Banchieri (Confesercenti): "Mai più decisioni sull’onda dell’emergenza, la politica si confronti con le categorie e i cittadini”

Mezzo pesante generico grigio

I commercianti torinesi spingono per un rinvio del blocco Euro5 e non solo

Il rinvio del blocco degli Euro5 diesel è il minimo indispensabile, ma non basta“. I commercianti torinesi vanno in pressing sul Governo e lo fanno per voce di Giancarlo Banchieri, presidente di Confesercenti Torino e Piemonte. Sono queste infatti le ultime ore prima che il Consiglio dei ministri di domani dia il via a un provvedimento in grado di evitare che quasi 300mila veicoli in tutta Regione rimangano fermi a partire dal prossimo 15 settembre.

"Ci hanno dato rassicurazioni, ma non basta"

La scadenza è ormai vicina – spiega – e imprese e cittadini hanno bisogno di certezze. Nelle interlocuzioni che abbiamo avuto in questi giorni a livello sia politico sia tecnico è venuta l’assicurazione che il decreto del governo ci sarà. È ciò che abbiamo chiesto da tempo insieme ad aiuti per la sostituzione dei mezzi: aiuti che dovranno essere ben più cospicui delle mancette che si stanno prefigurando. Categorie come ambulanti e agenti di commercio, per la cui attività il mezzo è indispensabile, non possono farcela da sole in un momento di crisi come questo. Per non parlare delle famiglie. Inoltre, è importante che i sostegni siano di facile e immediato ottenimento, altrimenti rischiano di rimanere inutilizzati: non si può immaginare di cambiare oggi il proprio mezzo e ricevere il denaro magari fra un anno, dopo aver riempito chili di moduli incomprensibili".

"Basta decidere sull'onda dell'emergenza"

Ma tutto ciò – puntualizza Banchieri – non sarà sufficiente: se il rinvio del blocco e i sostegni economici arriveranno, essi saranno stati decisi sull’onda dell’emergenza e delle giustificatissime proteste di imprese e automobilisti. Ma si tratta di un palliativo di fronte a un problema vasto e complesso, che va affrontato con lungimiranza: per questo chiediamo l’immediata costituzione di un tavolo sulla mobilità di cui facciano parte la Regione, le rappresentanze delle imprese e anche dei cittadini (ad esempio, attraverso le associazioni dei consumatori). Questa vicenda ha dimostrato ancora una volta il drammatico distacco fra le decisioni prese nelle stanze chiuse di qualche assessorato e la vita reale. Dunque è necessario – una volta risolta l’emergenza – che la politica torni a misurarsi con le esigenze delle persone. Il tema della mobilità e dei tempi delle città richiede una prospettiva di lungo periodo. Apriamo da subito un confronto fra tutti i soggetti coinvolti: solo così – conclude – potremo individuare misure davvero efficaci nel tempo, programmate e condivise“.

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium