/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 26 gennaio 2019, 14:12

Grugliasco, la 19esima Gru d’oro va all’associazione “Amici del modellismo” ed alla loro passione per i mattoncini Lego (FOTO)

Il presidente Colognese: “Il senso del riconoscimento risiede nell’obiettivo di dare lustro alla città, non è il premio della bontà, ma va a coloro che concorrono a raggiungerlo”

Grugliasco, la 19esima Gru d’oro va all’associazione “Amici del modellismo” ed alla loro passione per i mattoncini Lego (FOTO)

La Gru d’oro per il 2018, giunta alla 19esima edizione, è stato assegnata ieri sera nella sala consiliare di Grugliasco con una cerimonia pubblica in occasione dei festeggiamenti patronali di san Rocco: è un premio che annualmente viene conferito a singoli cittadini, gruppi, associazioni o imprese che contribuiscono con il loro lavoro, le idee e l’arte a dare lustro a Grugliasco; l’iniziativa, patrocinata dal Comune, è promossa dall’associazione “Cojtà gruliascheisa”.

“Il senso del riconoscimento è scritto nel nostro Statuto e risiede nell’obiettivo di far conoscere la città ed i suoi tesori – ha detto il presidente della Cojtà Andrea Colognese – esaltandone i valori legati al suo patrimonio storico, artistico, agricolo, artigianale e industriale. Non è il premio della bontà, ma va a coloro che concorrono, in qualche modo, a dare luce alla città”.

La giuria, composta dal Consiglio direttivo della Cojtà e presieduta dal sindaco, ha valutato le 18 candidature pervenute e quest’anno l’ha spuntata l’associazione “Amici del modellismo”, segnalata per la mostra “Grugliasco fest – Mattoncini in festa”, un’esposizione di costruzioni Lego, sia statiche che in movimento. E’ dal 2015 che ogni anno confluiscono flotte di visitatori da tutto il Piemonte, ma anche da Liguria e Lombardia. Durante la cerimonia sono anche stati conferiti gli attestati di grugliaschesità a tutti coloro che hanno speso 50 anni di attività sul territorio.

“Questo riconoscimento – ha spiegato il sindaco Roberto Montà – testimonia la capacità della comunità di riconoscere al proprio interno chi lo merita, vale a dire chi si distingue col proprio apporto nel mantenere integra l’identità di Grugliasco e nel rinforzarne la tradizione continuando a scrivere le pagine della sua storia”.

Massimo Bondì

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium