/ Cronaca

Cronaca | 05 luglio 2024, 16:48

La Cassazione dispone un Appello bis per Alex Pompa

Il giovane di Collegno aveva ucciso il padre violento per difendere la madre. Assolto in primo grado per legittima difesa era stato condannato in Appello a sei anni e due mesi. Il giovane: "Oggi una grande gioia"

La Cassazione dispone un Appello bis per Alex Pompa

La Cassazione dispone un Appello bis per Alex Pompa

Ci sarà un nuovo processo d’Appello per Alex Pompa, lo studente dell'alberghiero di Pinerolo che nell’aprile del 2020 uccise a coltellate il padre a Collegno, al culmine dell’ennesima lite familiare per difendere la madre.

Oggi è Alex Cotoia

Assolto in primo grado per legittima difesa, Alex, che ora porta il cognome della madre, Cotoia, era stato condannato il 13 dicembre del 2023 a sei anni e due mesi dalla Corte di Assise di Appello di Torino. I supremi giudici della prima sezione penale della Cassazione, accogliendo la richiesta della procura generale della Cassazione, hanno annullato con rinvio la sentenza impugnata disponendo un Appello bis.

È evidente la necessità di una motivazione rafforzata davanti a un ribaltamento così evidente rispetto alla prima pronuncia - aveva sottolineato il sostituto procuratore generale della Cassazione Marco Dall’Olio nella requisitoria davanti ai giudici della Prima Sezione Penale - La motivazione della pronuncia di Appello deve essere massimamente rafforzata: il primo giudice assume come attendibili le testimonianze della madre e del fratello di Alex mentre i giudici d’appello con la sentenza hanno disposto l’invio degli atti in procura per falsa testimonianza. Partendo dal presupposto che si è trattato di un giorno di ordinaria violenza nella sentenza di Appello non è dato comprendere cosa abbia scatenato la condotta di Alex”. Nel corso del giudizio di Appello una pronuncia della Consulta, a cui si erano rivolti i giudici torinesi, aveva permesso l’applicazione della prevalenza di alcune attenuanti sulle aggravanti.

La soddisfazione dell'avvocato Strata

La requisitoria del procuratore generale ci aveva dato molte speranze. Ha parlato giustamente di motivazione della sentenza d’appello molto povera, che non aveva preso in considerazione la stragrande maggioranza degli elementi probatori di carattere oggettivo. Questo era il punto su cui anche noi facevamo molto affidamento. Noi restiamo convinti che la sentenza di primo grado fosse corretta e che quella di secondo grado fosse partita da una posizione di estremo rigore se non addirittura da una posizione preconcetta”. Così l’avvocato Claudio Strata, difensore di Alex Pompa, dopo la sentenza della Cassazione che ha disposto un Appello bis.

Sono estremamente felice - commenta il penalista - Ero preoccupato che Alex dovesse costituirsi e andare a scontare la pena che ho sempre considerato ingiusta. Continuo a pensare che non se la meriti. Ora aspettiamo il giudizio davanti a un’altra sezione con un po’ più di fiducia”.

Oggi la Cassazione mi ha dato una grande gioia quando ha deciso di rimandare gli atti alla corte d’appello di Torino. Per il futuro rimango fiducioso il mio unico desiderio è quello di vivere una vita ‘normale’, sensazione che fino ad oggi non ho avuto la fortuna di provare”: così Alex Pompa ha commentato la sentenza della Cassazione.

redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium