/ Cultura

Cultura | 03 marzo 2024, 06:50

Cosa fare a Torino nel weekend: gli eventi fino a domenica 3 marzo

Gabry Ponte fa ballare l'Inalpi Arena, il Maestro Muti affronta Verdi al Regio e La Divina Commedia si fa musical. Travaglio racconta l'attualità, mentre si ride con Pucci e Vernia. A Porta Nuova la mostra dei Dinosauri, al Cinema Massimo l'anteprima di "Dune - Parte 2"

La Divina Commedia Opera Musical, in programma al Teatro Alfieri

La Divina Commedia Opera Musical, in programma al Teatro Alfieri

CONCERTI

GABRY PONTE - 25 ANNI DI DANCE
Sabato 2 marzo ore 21
L'ex Palaolimpico oggi Inalpi Arena si trasforma in un'enorme discoteca per celebrare i 25 anni di dance di Gabry Ponte. Con oltre 3 miliardi di stream globali, oltre 15 milioni di ascoltatori mensili su Spotify, 2 dischi di diamante, 39 dischi di platino e 22 d'oro, il dj e producer torinese festeggia i suoi 50 anni e 25 di carriera riproponendo le sue hit più famose, con scenografie, effetti speciali e visual da grade show.
INFO: Inalpi Arena (ex Palaolimpico), corso Sebastopoli 123, www.inalpiarena.it

DJ SET NICKY SIANO 
Venerdì 1° marzo ore 23 
Dj set di Nicky Siano nella sala CUBO di OFF TOPIC in programma per l’after party del film Love Is The Message. Per la prima volta a Torino Seeyousound presenta Nicky Siano, uno dei pionieri della cultura dance degli anni '70 nonché eroe dello Studio 54.⁣ Fondatore dell'iconico locale The Gallery di New York, per poi diventare il primo resident dj dello Studio 54  nel ‘77 - la mitica discoteca di Manhattan e rifugio di icone del calibro di Andy Warhol, Grace Jones, Diana Ross e gli Chic - Nicky Siano è anche riconosciuto come uno dei pionieri del turntablism, l’arte di “miscelare” i dischi.⁣
INFOwww.seeyousound.org

FERENC SNÉTBERGER 
Mercoledì 28 febbraio ore 20.30 
Debutta a Torino, nella stagione dell’Unione Musicale, il chitarrista e compositore ungherese Ferenc Snétberger, internazionalmente riconosciuto per la maestria nell’improvvisazione e per la capacità di spaziare in vari ambiti stilistici. Il concerto di mercoledì 28 febbraio al Conservatorio Verdi alle ore 20.30 lo vede protagonista insieme al Nádor Quartet, ensemble ungherese che vanta con Snétberger una lunga collaborazione artistica.
INFOwww.unionemusicale.it

MUSICAL

LA DIVINA COMMEDIA
Giovedì 29 febbraio e Venerdì 1° marzo ore 10 e 20.45, Sabato 2 marzo ore 15.30 e 20.45, Domenica 3 marzo ore 15.30
Il più grande racconto dell’animo umano, della sua miseria e della sua potenza, tra vizi, peccati e virtù che non conoscono l'usura del tempo, riprende la forma dello spettacolo di voci, danze e tecnologia.
Inferno, Purgatorio e Paradiso: proiezioni immersive in 3D inondano il pubblico e lo immergono nell’immensità sublime che solo il padre della lingua italiana ha saputo creare nelle tre cantiche. E in questo viaggio teatrale, dove la tecnologia è elemento essenziale della narrazione, tutti gli spettatori, anche i più giovani, possono ammirare, comprendendola appieno, la grandezza del Sommo Poeta. Regia di Andrea Ortis.
INFO: Teatro Alfieri, piazza Solferino 4, www.teatroalfieritorino.it

LIRICA

UN BALLO IN MASCHERA
Martedì 27 febbraio ore 20, Venerdì 1 marzo ore 20 e Domenica 3 marzo ore 15
Poche opere verdiane ebbero tanti problemi con la censura come questa. Nel 1859, anno del debutto, per molti era scandaloso un dramma che prevedesse un regicidio, una scena di magia e un amore extraconiugale: per Verdi fu una sfida irrinunciabile. Nel corso dell’opera si preparano due eventi radicalmente diversi: una festa e una congiura. Al centro della vicenda c’è Riccardo, governatore di Boston, il quale, inconsapevole del pericolo che lo minaccia, pensa solo al suo amore per Amelia, la moglie del suo fedele amico Renato. È proprio la scoperta di questo sentimento a destare la gelosia in Renato, spingendolo a unirsi ai congiurati per cercare vendetta durante il fatidico ballo in maschera. Nell’opera convivono in equilibrio magistrale il comico e il tragico. Il capolavoro di Verdi vede il glorioso ritorno del maestro Riccardo Muti, che con questa nuova presenza conferma la sua piena sintonia con l’Orchestra e il Coro del Regio. Atteso debutto nel ruolo di Renato per Luca Micheletti, protagonista dell’ultimo Don Giovanni. In scena un nuovo allestimento firmato da un protagonista del teatro italiano come Andrea De Rosa.
INFO: Teatro Regio, piazza Castello 215, tel. 0118815241/242, www.teatroregio.torino.it

ONE MAN SHOW

GIOVANNI VERNIA
Mercoledì 28 febbraio ore 21
Chi “tiene ‘a capa fresca” ha la testa libera da pensieri faticosi e preoccupanti, è sempre pronto a guardare la parte divertente in tutto ciò che accade. Giovanni Vernia è così e tra le sue mani tutto diventa un pretesto per ridere: dalla sanità all’odio social, dalla tv alle ultime manie degli italiani in fatto di sport, svago, gusti musicali, personaggi più in voga. Un nuovo spettacolo ricco di ironia, satira di costume, parodie, musica ed energia.
INFO: Teatro Colosseo, via Madama Cristina 71, tel. 011.6698034, www.teatrocolosseo.it

MARCO TRAVAGLIO
Giovedì 29 febbraio ore 21
In "I migliori danni della nostra vita (seconda stagione)", Marco Travaglio racconta, nel consueto stile satirico, gli ultimi cinque anni di storia italiana: ovvero come i poteri della politica, della finanza e dell'informazione hanno ribaltato il voto degli italiani, dal cambiamento alla restaurazione, dalla questione morale e sociale all'Ancien Régime e alla guerra infinita.
INFO: Teatro Colosseo, via Madama Cristina 71, tel. 011.6698034www.teatrocolosseo.it

ANDREA PUCCI
Venerdì 1° e sabato 2 marzo ore 21, Domenica 3 marzo ore 16
Pucci ritorna con il suo nuovissimo spettacolo: un viaggio frizzante ed elettrico nel divertimento puro, prendendo di mira il costume e la società moderna e interpretando in chiave comica e grottesca avvenimenti attuali che tutti hanno potuto sperimentare nella quotidianità e rievocando grotteschi episodi della vita, suoi ma anche nostri. Perché, alla fine, "C’è sempre qualche cosa che non va".
INFO: Teatro Colosseo, via Madama Cristina 71, tel. 011.6698034www.teatrocolosseo.it

TEATRO

LE SERVE
Martedì 27, Giovedì 29 febbraio e Sabato 2 marzo ore 19.30, Mercoledì 28 febbraio e Venerdì 1 marzo ore 20.45, Domenica 3 marzo ore 16
Capolavoro scritto da Genet nel 1947, il testo è un perfetto congegno metateatrale: liberamente ispirato a un fatto di cronaca che scosse l’opinione pubblica francese negli anni Trenta, nelle parole di Jean-Paul Sartre questo è "uno straordinario esempio di continuo ribaltamento tra essere e apparire, tra immaginario e realtà". Protagoniste della vicenda sono due sorelle, che vivono un rapporto di amore e odio nei confronti della loro padrona, l’elegante Madame, e ogni sera allestiscono un rituale in cui, a turno, la interpretano e la uccidono. In questo allestimento, che traspone la vicenda in una città contemporanea, risuonano forti i temi del potere, del genere e delle disuguaglianze. Regia di Veronica Cruciani.
INFO: Teatro Gobetti, via Rossini 8, tel. 0115169555, www.teatrostabiletorino.it

CARAVAGGIO IL MALEDETTO
Martedì 27 febbraio ore 21
Caravaggio e quello che probabilmente può essere accaduto. Il fascino delle immagini, dei quadri composti come pronti per prendere vita, l’assoluta concretezza della luce, la forza evocativa dei bui improvvisi, quelle straordinarie facce impresse da sempre nella memoria. E poi la Roma cinquecentesca e eterna dove le epoche si sovrappongono e si fondono l’una nell’altra, Trastevere, San Luigi dei Francesi, i luoghi deputati che hanno segnato l’arte creativa del pittore, le ombre dei ricordi e gli incubi, l’amore e la morte che lo hanno perseguitato. Con Primo Reggiani e Francesca Valtorta, e con Fabrizio Bordignon. Regia di Ferdinando Ceriani.
INFO: Teatro Gioiello, via Colombo 31, www.teatrogioiellotorino.it

FIESTA!
Mercoledì 28 febbraio ore 21
Luca (Fabio Canino) è un fan di Raffaella Carrà, ma non uno qualsiasi, il più scatenato, il più fedele, il più innamorato. Tanto innamorato da celebrare ogni 18 giugno il compleanno del suo mito in una vera e propria festa con tanto di torta, invitati, canti e balli sulle note dei più grandi successi della Raffa nazionale.
La Fiesta sarà un pretesto per piccanti confessioni tra amici, ma anche per liberare gli animi da desideri e paure. Proprio durante il gioco della verità con la “statuina-idolo” di Raffa, Giuseppe metterà a nudo inclinazioni e segreti (di pulcinella e non). Una cosa è certa, qualsiasi sia il risultato, ci sarà da ridere! Sempre sotto l’occhio vigile, amorevole e mai giudicante del mito Carrà. Regia di Piero di Blasio.
INFO: Teatro Gioiello, via Colombo 31, www.teatrogioiellotorino.it

RAFFAELLA! OMAGGIO ALLA CARRA'
Giovedì 29 febbraio, ore 21
Uno spettacolo musicale che porta sul palco le note dei brani più famosi e significativi della grande Raffaella Carrà interpretata da una delle protagoniste femminili indiscusse del musical italiano: Beatrice Baldaccini. Lo spettacolo è un recupero della data del 21 novembre 2023, rinviata per problemi di salute dell’artista. Lo spettacolo prevede una band di 5 elementi interamente dal vivo e 6 performer che attraverso la recitazione e il canto tratteggeranno l’arte, la spettacolarità e il carattere della regina della tv italiana.
INFO: Teatro Concordia, corso Puccini, Venaria, tel. 0114241124, www.teatrodellaconcordia.it

CASSANDRA o dell’inganno
Giovedì 29 febbraio e Venerdì 1° marzo ore 20
Un grande nome del teatro italiano per la prima volta sul palco del Baretti: Elisabetta Pozzi, che da molti anni lavora sui grandi temi e archetipi del mito come Elektra di Hofmannsthal, Medea, Ippolito e Ecuba di Euripide, Elena e Fedra di Ghiannis Ritsos. In questo caso costruisce una drammaturgia originale che, partendo dalle tragedie di Eschilo ed Euripide, compie un affascinante percorso intorno alla profetessa troiana cui Apollo ha dato il dono di prevedere il futuro e insieme la condanna di non essere creduta, raccogliendo liberamente suggestioni e riletture da grandi testi ed autori di ogni tempo. Un ritratto originale di una delle figure femminili di più profonda tragicità, per l’impotenza e la tremenda solitudine che la connotano nel sostenere il peso della conoscenza.
INFO: CineTeatro Baretti, via Baretti 4, Torino, tel. 011.655187, www.cineteatrobaretti.it

DELIRIO A DUE
Venerdì 1° marzo ore 21
Il duo comico formato da Corrado Nuzzo e Maria di Biase porta in scena lo spettacolo comico di teatro dell'assurdo di Eugene Ionesco. Di personale, ci mettono la loro naturale bizzarria, il loro talento imprevedibile e mai convenzionale, il loro gusto per il capovolgimento improvviso che disegna una situazione che è la perfetta, amara metafora dell’oggi, dove riso e sorriso evidenziano ancor più la banalità quotidiana, il conformismo, le paure di una società inaridita e patologicamente insoddisfatta di sé.
INFO: Teatro Concordia, corso Puccini, Venaria, tel. 0114241124, www.teatrodellaconcordia.it

MA NON AVEVAMO DETTO "PER SEMPRE"?
Sabato 2 marzo ore 21
Il testo, ispirato a una commedia francese, arriva sulle nostre scene con la raffinata interpretazione di due attori, Antonio Catania, Tiziana Foschi, capaci di stupirci nel rendere profondamente umani i personaggi mentre affrontano i loro drammi con un disincanto a tratti sconfinante nel cinismo, senza mai strizzare l’occhio alla gag o all’effetto comico. Questo esilarante viaggio, col suo mirabile gioco di specchi, si rivelerà un viaggio nelle nostre vite, con un finale a sorpresa.
INFO: Teatro Gioiello, via Colombo 31, www.teatrogioiellotorino.it

LE SOLITE STRONZE
Domenica 3 marzo ore 21
Carlotta Vagnoli è scrittrice, femminista intersezionale, attivista per i diritti delle donne e contro la violenza di genere. Approda a teatro con questo monologo inedito che sintetizza il suo punto di vista sul ruolo delle donne nella società attuale, e di come chi non corrisponde allo stereotipo della brava donna “angelo del focolare” sia tacciata di essere una stronza. In un mondo fatto a misura d’uomo, anche essere una stronza diventa una questione di sopravvivenza.
INFO: Teatro Garybaldi, via Partigiani 4, Settimo, tel. 011.8028540, www.suoneriasettimo.it

TEATRO PER LE FAMIGLIE

P COME PENELOPE
Venerdì 1° marzo ore 20.45
Uno spettacolo che ci riporta al tempo antico per parlare del nostro presente. Chi è Penelope oggi? Una donna che aspetta per anni un uomo che non sa dire se sia vivo o morto, di cui riceve nel tempo informazioni frammentarie, più vicine al “si dice” che alla realtà dei fatti. Una madre che cresce da sola un figlio che, a sua volta, non ha mai conosciuto il padre e che, nutrito dal suo ricordo, si appresta a diventare un uomo. Di e con Paola Fresa in collaborazione con Christian Di Domenico e la supervisione registica di Emiliano Bronzino. Dai 14 anni.
INFO: Teatro Ragazzi Trg, corso G. Ferraris 266, casateatroragazzi.it

NONNETTI
Sabato 2 marzo ore 17.30 e Domenica 3 ore 11
La giornata di due Nonnetti. Una bella colazione, la ginnastica del mattino; la vita scorre con regolarità, ma piccoli eventi trasformano la quotidianità in avventure a sorpresa. Lui è veloce, lei è lenta, lui è rumoroso, lei è silenziosa, lui fa le briciole e lei no. La magia si interrompe quando i Nonnetti si coalizzano per affrontare il vicino molesto, l’adorabile nipotino. Spettacolo con poche parole, molta musica e movimento, con momenti di comicità e qualche venatura di malinconia. Di e con Giorgio Boccassi e Donata Boggio Sola, regia di Valerio Bongiorno. Dai 5 anni.
INFO: Teatro Ragazzi Trg, corso G. Ferraris 266, casateatroragazzi.it


IL RE PESCATORE
Sabato 2 e Domenica 3 marzo ore 16.30
Una favola delicata e divertente sul tempo, custode come il mare dei sogni nostri e desideri più segreti. E' la storia di un Re, un tempo leggendario, che ha abbandonato tutto per dedicare il suo tempo a pescare un pesce fra milioni di pesci. Un pesce favoloso che porta con sé un segreto e che dal fondo del mare lo chiama con voce amica. Un giorno però arriva a disturbarlo uno strano signore che vorrebbe tuffarsi nel mare proprio lì, accanto al pescatore. Il Re e il bagnante decidono così di attendere insieme il momento giusto per realizzare il proprio piccolo, grande sogno. Con Pasquale Buonarota, Elena Campanella, Alessandro Pisci. Dai 3 anni.
INFO: Teatro Ragazzi Trg, corso G. Ferraris 266, casateatroragazzi.it

BAKEKE'
Sabato 2 marzo ore 19.30; Domenica 3 ore 18
L'artista Fabrizio Rosselli protagonista di uno spettacolo in cui un dolce e temerario personaggio clownesco si diverte a giocare con dei secchielli, creando costruzioni geometriche e restando testardo nell’affrontare l’impossibile, offrendo uno sguardo positivo e giocoso di un mondo assurdo e frenetico. Dai 6 anni.
INFO: Spazio FLIC, via Niccolò Paganini 0/200, www.flicscuolacirco.it

MOSTRE ED EVENTI

UNA NOTTE AL MASTIO DELLA CITTADELLA 
Sabato 2 marzo ore 19 
Club Silencio apre le porte dell’unico edificio pubblico rinascimentale in città e sede del Museo dell’Artiglieria, il più antico di Torino, con un'incredibile collezione di armi bianche e da fuoco d’epoca. In occasione di “Una notte al Mastio + visita ai Sotterranei” ci sarà la possibilità di visitare la mostra temporanea “I Macchiaioli”, un'esposizione articolata in diverse sezioni che celebra le innovazioni dei padri dell’arte en plein air con opere di autori famosi come Fattori, Signorini, Abbati, Lega. Da non perdere, inoltre, l’esclusiva visita guidata all’Area Archeologica "Rivellino degli Invalidi" che, con i suoi 300 mq nei sotterranei di Torino, custodisce importanti reperti archeologici. La musica elettronica della selezione di Ulsa, punta di diamante del clubbing torinese in quattro quarti, accompagnerà la visita. 
INFO: www.clubsilencio.it

ANTEPRIMA DUNE - PARTE 2 
Martedì 27 febbraio ore 20 
In occasione dell’uscita di Dune – Parte Due, in sala da mercoledì 28 febbraio con regolare programmazione, il Museo Nazionale del Cinema propone al Cinema Massimo la proiezione in anteprima dell’ultimo film di Denis Villeneuve, fissata per martedì 27 febbraio alle ore 20. 
INFO:  www.cinemamassimotorino.it 

CIRCOLO DEI LETTORI 
Fino al 29 febbraio 
Parte una nuova settimana di appuntamenti al Circolo dei lettori che oltre agli incontri del Festival Tu mi hai capito e del Salone del Vino, va avanti con la sua programmazione. 
Da Paolo Ruffini, che racconta le difficoltà di chi convive con l'Alzheimer, a Natal’ja Ključarëva, che ricorda nel suo diario il dramma del conflitto in Ucraina vissuto in quanto cittadina russa, fino a Luca Ammirati che insieme a Walter Vacchino racconta i retroscena dell'Ariston a pochi giorni dalla chiusura del festival di Sanremo.  
INFOhttps://torino.circololettori.it/  

LE MERAVIGLIE DELLA SETA E DEL PELTRO 
Fino al 28 gennaio 2025 
Una veste premaman in seta dei primi anni dell’800, un pregevole caracò damascato, il corsetto simbolo della donna rivoluzionaria francese, un abito da sera in taffetas cangiante di inizio ‘900. Sono solo alcuni dei pregevoli abiti e tessuti storici esposti al secondo piano di Palazzo Madama fino al 28 gennaio 2025. 
INFO:  https://www.palazzomadamatorino.it/it/

DINOSAURI - TERRA DEI GIGANTI 
Fino al 30 giugno
La sala degli stemmi di Porta Nuova fa un salto indietro nel tempo per tornare nell’era mesozoica: oltre 250 milioni di anni fa quando i dinosauri erano i padroni della Terra.Sono una ventina le riproduzioni a grandezza naturale di questi maestosi animali per la mostra Dinosauri - Terra dei Giganti. Ricostruirti in poliuretano e vetroresina quelli statici, in gommapiuma quelli mobili e dotati di un motore interno. Il percorso vuole raccontare ad adulti e bambini, l’evoluzione dai primi dinosauri erbivori, marini e volatili fino ai carnivori. Affiancati da calchi di veri fossili, si trovano le specie più note che abbiamo imparato a conoscere grazie al Jurassik Park di Steve Spielberg, come il Triceratopo, il Velociraptor e ovviamente, il Tirannosauro Rex.
INFOwww.dinosauriterradeigiganti.it  

ROBERT CAPA, UGO MULAS, MICHELE PELLEGRINO A CAMERA 
Fino al 2 giugno e fino al 14 aprile 
La tragica guerra civile spagnola, momento cruciale della storia del XX secolo, e il rapporto professionale e sentimentale fra Robert Capa e Gerda Taro sono il fulcro della mostra Robert Capa e Gerda Taro: la fotografia, l’amore, la guerra che con oltre centoventi fotografie racconta una stagione intensa di fotografia, guerra e amore. Nella mostra Ugo Mulas / I graffiti di Saul Steinberg a Milano protagonista è la Milano del boom economico e le creazioni del grande illustratore e disegnatore Saul Steinberg immortalate da un giovane Ugo Mulas, mentre lo sguardo poetico sul Piemonte rurale di Michele Pellegrino offre storie di uomini, donne e montagne nella mostra Michele Pellegrino. Fotografie 1967-2023.
INFOwww.camera.to 

I MACCHIAIOLI E LA PITTURA EN PLEIN AIR TRA FRANCIA E ITALIA
Fino al 1° aprile 
Al Mastio della Cittadella I Macchiaioli e la pittura en plein air tra Francia e Italia. Prodotta da Navigare srl, con il patrocinio di Regione Piemonte e del Comune di Torino e la collaborazione di AICS, la mostra aprirà al pubblico dal 3 febbraio al 1 aprile, con circa 70 opere di oltre 20 artisti italiani e francesi, intende analizzare il movimento italiano artistico antiaccademico dei Macchiaioli, nato intorno al 1855 a Firenze da un nucleo di giovani artisti frequentatori del Caffè Michelangelo, che influenzò l’arte europea, in particolare quella francese, sviluppando soprattutto il tema del paesaggio e della pittura en plein air. La provenienza delle opere, per lo più da collezioni private oltre che da alcune istituzioni pubbliche, rende l’esposizione particolarmente preziosa, aprendo la strada per un percorso di avvicinamento del visitatore a diversi aspetti di quella che fu una vera e propria rivoluzione macchiaiola, sia per temi sia per stili e tecniche. Dalla loro origine, e sino agli anni ’70 dell’Ottocento, i Macchiaioli si confrontarono con i pittori paesaggisti della Scuola francese di Barbizon e influenzarono grandi artisti d’Oltralpe, anticipando l’arte degli Impressionisti e contribuendo alla nascita della pittura moderna.
INFO: www.navigaresrl.com/mostra/la-mostra-sui-macchiaioli-a-torino 

ANTONIO LIGABUE
Fino al 26 maggio 
Oltre 90 opere di Antonio Ligabue ne illustrano la vita, la psiche e la storia tormentata nell’esposizione Ligabue, in corso alla Società Promotrice delle Belle Arti di Torino fino al 26 maggio. Un viaggio nell’arte di questo genio visionario sempre in evoluzione, e nella sua appassionata ricerca, con la quale sapeva inventare e rinnovare le sue opere nella loro pressante suggestione emotiva, in una iconografia popolare e raffinata. La mostra è curata da Giovanni Faccenda, si avvale del patrocinio della “Fondazione Augusto Agosta Tota per Antonio Ligabue” ed è prodotta da SM.ART, con la direzione creativa e di produzione di WeAreBeside. La mostra Ligabue, a cura di Giovanni Faccenda, si snoda attraverso 8 sale in un corpus di 71 dipinti, 8 sculture e 13 disegni ed è la prima realizzata con la Fondazione Augusto Agosta Tota per Antonio Ligabue, a quasi un anno dalla scomparsa di Augusto Agosta Tota, che dell’artista fu amico, promotore e studioso.
INFO: mostraligabuetorino.com

LE OSSA DELLA TERRA 
Fino al 13 ottobre 
Dal 26 gennaio 2024 il Museo Nazionale della Montagna di Torino invita a scoprire il legame di Primo Levi con le terre alte attraverso la mostra Le ossa della terra, un progetto ideato e prodotto dal Museo, sviluppato in collaborazione con il Centro Internazionale di Studi “Primo Levi” di Torino e curato da Guido Vaglio con Roberta Mori. Un percorso espositivo articolato attorno alle parole di Levi, ma anche a fotografie storiche, oggetti, documenti, volumi ed estratti video provenienti da archivi pubblici e privati, oltre che dai familiari dello scrittore e dal Museo. Una mostra per scoprire il legame poco conosciuto di Primo Levi con la montagna, nato negli anni dell’adolescenza e tragicamente legato al destino dello scrittore.
INFOhttps://www.museomontagna.org

FABIO MAURI. ESPERIMENTI NELLA VERIFICA DEL MALE
Fino al 24 marzo 
In occasione della donazione al Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea della grande installazione I numeri malefici, 1978, realizzata da Fabio Mauri (Roma, 1926–2009) per la XXXVIII Biennale di Venezia, il Museo presenta fino al 24 marzo la mostra Fabio Mauri. Esperimenti nella verifica del Male.Artista e intellettuale, Fabio Mauri nasce a Roma nel 1926 e inizia a pubblicare i suoi primi disegni e articoli quando aveva solo sedici anni sulla rivista “Il Setaccio” che aveva fondato insieme a Pier Paolo Pasolini a Bologna nel 1942. Ben presto il secondo conflitto mondiale investe violentemente la vita di Mauri: un trauma che lo porta successivamente a creare forme d’arte che attraversano la performance, l’installazione, il disegno, la scrittura, il tutto riferendosi alla pittura come simbolo dell’arte in generale.
INFOwww.castellodirivoli.org

ANTONIO CAMPI A TORRE PALLAVICINA 
Fino al 10 marzo
Nella sala del Tardo Manierismo internazionale della Galleria Sabauda dal 7 dicembre al 10 marzo 2024, i Musei Reali di Torino ospitano l’esposizione Antonio Campi a Torre Pallavicina, che riunisce le tavole superstiti di un ampio ciclo dipinto dal grande manierista cremonese negli anni Settanta del Cinquecento. Seconda tappa della mostra dossier, aperta dal 19 settembre al 3 dicembre 2023 al Museo Diocesano di Cremona, l'iniziativa mette in luce l’attività del pittore per l’Oratorio di Santa Lucia a Torre Pallavicina, comune nella diocesi di Cremona, oggi in provincia di Bergamo, e presenta quello che rimane di una grande ancona a tema cristologico della quale facevano parte i due pannelli con l’Andata al Calvario e la Resurrezione, appartenenti alle collezioni della Galleria Sabauda,  e le due tavole con l’Orazione nell’orto e Cristo davanti a Caifa della Galleria Canesso, che ne ha gentilmente concesso il prestito.
INFO: museireali.beniculturali.it

EDOARDO SANGUINETI
Fino al 30 aprile
Alle Sezioni Riunite dell’Archivio di Stato di Torino si svolge la mostra Edoardo Sanguineti nella città “cruciverba”.  L’esposizione attingerà principalmente ai fondi del Centro Studi Interuniversitario Edoardo Sanguineti, con i quali interagiranno alcune schede lessicografiche selezionate provenienti dal Fondo esempi letterari (scarti e giunte) del Grande Dizionario della Lingua Italiana, al quale Sanguineti partecipò, grazie alla fondamentale mediazione dell’amico Tullio De Mauro, in veste di direttore dei Supplementi. Sarà possibile ammirare per la prima volta due recentissimi ritrovamenti, che risalgono agli albori della carriera del Sanguineti poeta: il manoscritto di Composizione, la raccolta sottoposta nel febbraio 1950 a Cesare Pavese, che la rifiutò, due redazioni di Laszo Varga e il manoscritto finale di Laborintus, la fondamentale opera d’esordio di Sanguineti, nella redazione in cui il titolo era ancora Laberintus.
INFOwww.centrosanguineti.unito.it/it

TIME SQUARE
Fino al 31 marzo
“Time Square. L’arte in piazza trascende il tempo”. Ha un titolo che cattura subito l’attenzione la nuova mostra ideata da Alessandro Bulgini. L'esposizione mette in dialogo sedici opere d'arte del passato con altrettante insegne pubblicitarie odierne, lungo sedici stanze della villa ottocentesca di corso Giovanni Lanza, stanze che diventano metafisiche piazze per un confronto fra tempo, arte e vita.
INFOFlashback Habitat, www.flashback.to.it

GIULIA E TANCREDI FALLETTI DI BAROLO COLLEZIONISTI
Fino al 7 aprile
In occasione del bicentenario del Distretto Sociale Barolo, i Musei Reali presentano una mostra dossier che per la prima volta permette di ricomporre l'originaria raccolta dei marchesi Giulia Colbert e Carlo Tancredi Falletti di Barolo, mettendo in luce il loro duplice ruolo di committenti e collezionisti. Una significativa selezione delle 45 opere d'arte antica donate con lascito testamentario alla Galleria Sabauda nel 1864 dialogherà con altri dipinti e sculture.
INFOmuseireali.beniculturali.it

LA PRIMA MONNA LISA
Fino al 26 maggio
Si tratta de La Monna Lisa di Isleworth, un'opera che secondo gli esperti il Maestro di Vinci dipinse prima della sua gemella conservata al Louvre. Isleworth è la città inglese in cui visse il mercante che l'acquistò nel 1914 da un collezionista privato inglese. La "prima Monna Lisa" era stata per la prima volta presentata nel 2012 dopo essere stata sottoposta a oltre trentacinque anni di studi.
INFOmostraprimamonnalisa.com

HAYEZ. L'OFFICINA DEL PITTORE
Fino al 1° aprile
Non c’è Il Bacio, ma la mostra “Hayez. Officina del pittore romantico”, ospita alcune importanti opere, tra cui La Meditazione, Il consiglio alla vendetta e Accusa Segreta, insieme a molti quadri e disegni inseriti del pittore veneziano. Dieci sezioni per 100 opere allestite in un percorso cronologico, raccontano il lavoro di Francesco Hayez, autore simbolo del passaggio tra lo stile neoclassico a quello romantico. Dalle prime esperienze tra Venezia e Roma, sotto l’influenza dell’opera di Tiziano, fino a quelle come "pittore civile".
INFO: www.gamtorino.it/it

IL MONDO DI TIM BURTON
Fino al 7 aprile
La mostra dedicata al grande regista è allestita all'interno della Mole. C’è la scrivania del regista, ma anche i suoi disegni, alcuni inediti, schizzi, polaroid, pupazzi e oggetti di scena. Protagonisti tutti i personaggi più famosi creati da Tim Burton, da Beetlejuice a Edward mani di forbice, fino all’ultima riuscita serie Netflix, Mercoledì.  Per la prima volta in città Burton è rimasto colpito da palazzi e ambienti storici.
INFOMuseo del Cinema, www.museocinema.it

Daniele Angi e Chiara Gallo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium