/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 02 marzo 2024, 09:00

Scopri come rafforzare il sistema immunitario

Da recenti studi, alcune piante e vitamine migliorano ed equilibrano la risposta immunitaria, leggiamo insieme questo interessante approfondimento.

Scopri come rafforzare il sistema immunitario

Oggi parliamo di metodi e consigli per rafforzare il sistema immunitario. Argomento di grande interesse visto il periodo. La prima linea di difesa è scegliere uno di stile di vita sano. Ogni parte del tuo corpo, incluso il tuo sistema immunitario, funziona meglio se protetto da attacchi ambientali e sostenuto da abitudini di vita sane come queste:

  • non fumare
  • fare una dieta ricca di frutta e verdura
  • fare esercizio regolarmente
  • mantenere una composizione corporea ottimale
  • se bevi alcolici, solo con moderazione
  • dormi bene e regolarmente
  • adotta misure per evitare infezioni
  • cerca di ridurre lo stress
  • sfrutta il mondo dell'integrazione per compensare le carenze

Da recenti studi, alcune piante e vitamine migliorano ed equilibrano la risposta immunitaria, vediamoli insieme:

Nac (N-acetilcisteina) (clicca qui)

È una forma dell'aminoacido cisteina. Supporta la funzione del sistema immunitario in quattro modi: 1- innanzitutto, reintegra il Glutatione, un potente antiossidante necessario per una funzione ottimale del sistema immunitario. 2- il NAC riduce il muco in situazioni come la bronchite. 3- La ricerca dimostra che il NAC protegge dall'influenza. 4 - infine, è stato mostrato che il NAC interrompe il biofilm di batteri nocivi.

Vitamina D3

La carenza di vitamina D è una delle più comuni carenze vitaminiche riscontrate negli adulti. Infatti uno studio ha rilevato che il 57% degli adulti è carente di questo nutriente "solare". E la ricerca ha dimostrato che una carenza di vitamina D è specificamente associata a una maggiore autoimmunità e ad una maggiore suscettibilità alle infezioni. Dagli alimenti comunemente solo il 20% del fabbisogno siamo in grado di assumere e il resto è prodotto dall'esposizione solare nelle ore più calde. La VIT D stimola dei peptidi prodotti dalle cellule immunitarie come anche dall'intestino, contribuendo alla stabilità di una delle più importanti barriere verso agenti esterni come virus e batteri.

Vitamine del gruppo B

Due vitamine B sono le principali responsabili del supporto immunitario: B12 e B6. La vitamina B12 supporta la divisione cellulare e la crescita dei globuli bianchi. La vitamina B6 è vitale per sostenere le reazioni biochimiche nel sistema immunitario. Una carenza di questo nutriente può portare ad una riduzione della risposta dei globuli bianchi. Inoltre le vitamine B aiutano a proteggere il microbiota intestinale dai patogeni.

Vitamina C (clicca qui) e Zinco (clicca qui)

Diverse cellule del sistema immunitario accumulano vitamina C e necessitano della vitamina per svolgere i loro compiti. Lo zinco ha dimostrato di combattere le infezioni e aiutare a guarire le ferite. Uno studio ha mostrato che un'adeguata assunzione di vitamina C e Zinco migliorano i sintomi e accorciano la durata delle infezioni del tratto respiratorio, compreso il comune raffreddore. La vitamina C oltre agli effetti antinfiammatori classici, è contenuta nelle cellule immunitarie, motivo per cui queste ne consumano in abbondanza quando il suo impegno nel contrastare agenti estranei si fa' impegnativo.

 

Probiotici (clicca qui)

Il Microbioma è un insieme di organismi simbionti che vivono nel nostro organismo, e come abbiamo accennato l'intestino sappiamo essere parte fondamentale del nostro primo muro di difesa insieme anche ai polmoni. Un Microbioma integro e non alterato contrasta la colonizzazione da parte di batteri patogeni. I probiotici si classificano probabilmente come i migliori stimolatori immunitari. Aiutano nel tratto gastrointestinale a rinforzare la funzione di "barriera" del rivestimento intestinale, riducendo la possibilità che i ceppi batterici entrino nel flusso sanguigno.

Importante ricordare che così come per i sedentari, il sistema immunitario può venire influenzato negativamente anche nel caso di allenamenti intensi, mentre invece l'allenamento moderato e adeguatamente compensato produce effetti positivi. Non è un caso infatti che in concomitanza dei periodi di forte carico allenante in diverse discipline sportive, si assistono a malanni, infiammazioni e stati influenzali. In questi casi consigliano soprattutto un'adeguata supplementazione.

La Glutammina (clicca quiin questi casi risulta molto utile. È l'aminoacido più abbondante nel corpo, i suoi livelli dopo un periodo di allenamento intenso, tendono ad abbassarsi insieme alla capacità dei leucociti circolanti, incrementando i rischi associati all'aumento dei ROS e delle citochine proinfiammatorie per via del fatto che in questi periodi, il corpo può trovarsi in una situazione di suscettibilità immunitaria. La maggior parte della glutammina viene utilizzata e captata dal fegato e dall'intestino, le cellule immunitarie di quest'ultimo utilizzano quest'aminoacido che è importante quindi assumerlo attraverso un adeguata dieta e supplementazione.

Per maggiori informazioni consulta: https://nutrimindshop.it/

I.P.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium