/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 08 gennaio 2024, 15:30

Dopo la "pausa" natalizia ripartono le vertenze torinesi: venerdì a Roma si affronta il futuro dei 300 lavoratori Lear

Ma resta d'attualità anche la questione di TE Connectivity, che mette a rischio altri 222 posti a Collegno

fiaccolata con persone in posa

Per Lear e Te Connectivity si è tenuta anche una fiaccolata di solidarietà prima di Natale

L'Epifania si portavia le Feste, ma riaccende anche i riflettori su alcune delle vertenze che più preoccupano il territorio torinese. Su tutte, quelle della Lear di Grugliasco e quella di TE Connectivity, a Collegno.

Venerdì il vertice a Roma

Sopratttutto, in queste ore si sta facendo il conto alla rovescia in vista dell'appuntamento che venerdì vedrà alle 11, a Roma, l'incontro presso il Ministero per analizzare la situazione dell'azienda della filiera della componentistica automotive di Grugliasco. A poche settimane, infatti, dalla firma che dà il via libera a un anno di cassa integrazione (si arriverà fino alla fine del 2024), non si sono spenti i timori sul futuro dell'azienda che, storicamente, lavora realizzando i sedili unicamente per Stellantis. 

Un legame che ora rischia di farsi soffocante, visto che la produzione di componenti per vetture si limita ad alcuni modelli Maserati e, proprio il Tridente, è il marchio che lamenta più dolori e incertezze, in questi ultimi tempi, presso il polo produttivo torinese. Sono stati quantificati 310 esuberi su un totale di 410 lavoratori, ma è evidente che se - al termine dell'anno di ammortizzatori sociali - non sarà emersa una nuova prospettiva di lavoro, la questione tornerà a porsi nelle medesime condizioni.
A Roma ci saranno i sindacati metalmeccanici, ma anche i rappresentanti dell'assessorato regionale al Lavoro, guidati da Elena Chiorino.

Non solo la Lear

Ma come detto non c'è solo la Lear a preoccupare sindacati e istituzioni locali: buio pesto anche sul futuro di un'altra azienda come TE Connectivity. E' di fine novembre la notizia, infatti, che la multinazionale ha intenzione di ridimensionare fortemente la sua presenza produttiva a Collegno, mettendo così a rischio circa 222 posti di lavoro (su 300 totali).

Una decisione presa dal board del Gruppo, con la data fissata sul calendario in corrispondenza di settembre 2025. Colpa - dicono i manager - del calo della domanda nel settore del "bianco" (gli elettrodomestici di grandi dimensioni): la produzione di connettori saranno spostate negli USA e in Cina. Una decisione che ha già scatenato le reazioni di condanna dei sindacati e delle istituzioni, ma che soprattutto ricorda una vicenda con molte similitudini: quella della Embraco di Riva di Chieri, anche lei legata al settore degli elettrodomestici e anche lei spazzata via dalle cartine geografiche della produzione di una multinazionale.

L’azienda continuerà a essere presente in Italia con le sedi di San Salvo (CH) in Abruzzo, Assago (MI) in Lombardia e Frascati (RM) in Lazio.

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium