/ Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 04 gennaio 2024, 11:28

Bike to rail: oltre un milione di euro alle zone omogenee per rafforzare la rete di ciclabili

Il contributo sarà distribuito tra Comuni e Unioni di Comuni che ne hanno fatto richiesta

Bike to rail: oltre un milione di euro alle zone omogenee per rafforzare la rete di ciclabili

Un milione e sessantasei mila euro consentiranno a tutte le Zone omogenee della Città metropolitana di Torino di progettare un piano per rinforzare la rete di ciclabili in modo da migliorare i collegamenti fra i centri abitati e le stazioni ferroviarie e i nodi di interscambio.

È questa la cifra messa a disposizione sul territorio dai fondi ministeriali del programma Bike to rail e che la Città metropolitana, che ha integrato il contributo con 66mila euro di fondi propri, distribuirà ai Comuni e alle Unioni di Comuni che ne hanno fatto richiesta.

Il contributo del programma ministeriale Bike to rail è destinato esclusivamente alla progettazione di fattibilità tecnico-economica. L'obiettivo è garantire il raggiungimento e la valorizzazione dei poli attrattori del territorio, come istituti scolastici, aree industriali e commerciali, poli sanitari, culturali, e poli attrattori per la ricettività turistica.

La Città metropolitana ha stabilito che il contributo massimo per ogni Zona omogenea non superi i 150mila euro e dopo aver dato preziosi indicazioni per la redazione delle richieste, fornendo le informazioni su quali tipologie di percorso ciclabile era possibile proporre, ha preso in esame i progetti che tutte le Zone omogenee (tranne Torino che non poteva partecipare) hanno presentato.

La graduatoria - ogni Comune e Unione di Comuni rappresenta una o più Zone omogenee e più Comuni -ha distribuito così il finanziamento:

• Comune di Carmagnola: Euro 150.000,00

• Unione dei Comuni del Ciriacese e del Basso Canavese: Euro 68.811,58

• Comune di Rivoli: Euro 135.000,00

• Unione dei Comuni dell’area nord-est Torino: Euro 148.988,00

• Unione Montana di Comuni delle Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone: Euro 81.188,42

• Comune di Cumiana: Euro 28.590,92

• Comune di Rivalta di Torino: Euro 7.345,36

• Unione Montana Valle Susa: Euro 45.000,00

• Comune di Venaria Reale: Euro 15.000,00

• Comune di San Benigno Canavese: Euro 143.461,12

• Comune di Cuorgnè: Euro 140.777,43

• Comune di Cavour: Euro 85.000,00

• Comune di Osasio: Euro 17.068,08

“Il nostro obiettivo” hanno spiegato il vicesindaco Jacopo Suppo e il consigliere delegato ai trasporti Pasquale Mazza della Città metropolitana di Torino “è stato di coinvolgere tutto il territorio e in effetti la risposta delle Zone omogenee è stata pronta e globale, segno chehanno ormai ben introiettata la necessità di favorire semrpe più la mobilità sostenibile ”.

“Il Bike to rail d’altra parte” hanno continuato Suppo e Mazza “è un tassello importante del Biciplan, il sottopiano  del Pums pensato per incentivare l'uso della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano, ricreativo e turistico su scala sovracomunale, e quindi mirato a costruire una rete ciclabile su proposte condivise con il territorio e a rafforzare l'intermodalità tra bicicletta e trasporto pubblico su ferro e su gomma".

 >   

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium