Economia e lavoro - 02 dicembre 2023, 14:29

Il Piemonte frena a causa di inflazione e tassi di interesse: il Pil regionale fatica a crescere e fa +0,37%, ma fa meglio dell'Italia

Lo testimonia il Pilnow del Comitato Torino Finanza per il terzo trimestre del 2023. E non ci sono rimbalzi in vista

Persona con carte e bilanci davanti a sé

Secondo i calcoli del Comitato Torino Finanza frena il Pil del Piemonte nel terzo trimestre 2023

Il rialzo dei tassi e l’inflazione hanno frenato i consumi e congelato le spese: anche il Piemonte paga il conto in questo terzo trimestre di 2023 e la sua crescita economica tira il freno. La variazione rispetto a un anno fa è positiva, ma per pochi decimi (+0,37%), anche se migliore rispetto a quella dell’Italia (+0%). Lo dice il Pilnow, lo strumento messo a punto dal Comitato Torino Finanza che precede il calcolo dell'Istat. 
Quel che appare evidente, in particolare, è il rallentamento: +2% nel primo trimestre, +1,1% nel secondo, fino allo zero virgola attuale. 

Finale senza botti

E le previsioni non confortano: non sarà un finale d’anno “senza il botto”. A novembre, infatti, c’è la possibile conferma di una crescita annuale del Pil piemontese dello 0,9%. Ma conterà molto il periodo di Natale, pur se per ora i consumi scricchiolano e il recupero dell’inflazione nei salari non è all’orizzonte. A prezzi costanti (depurando il PILNOW dall’inflazione), il valore del Pil regionale degli ultimi 12 mesi è di 135 miliardi di euro (33,4 nel terzo trimestre), mancano ancora 4 punti percentuali di crescita e 7 miliardi per ritrovare il livello del reddito prodotto in Piemonte nel 2008.

La discesa finita a settembre: ora si stagna

Il peggioramento sembra comunque essersi esaurito nel mese di settembre, ma da ottobre in poi il Pil non sta rimbalzando, piuttosto, ristagna. I ricercatori del Comitato Torino Finanza sottolineano, fra gli aspetti negativi, l’inflazione, che, pur in via di riduzione, è penetrata nei comportamenti e sta probabilmente deprimendo i consumi, che avevano tenuto nella primissima parte dell’anno (I trimestre). E non si avverte ancora il segnale di rialzo. E così il 2023 non terminerà più con un lascito di punti acquisiti per il 2024 (come fu per il 2022) e la strada del 2024 sarà in salita. Il PILNOW registra però anche alcuni aspetti positivi: la recessione, anche se tecnica, non c’è stata; i dati sono almeno in linea con la media nazionale o lievemente migliori; la cultura, settore tradizionalmente fragile, e il turismo compensano il rallentamento dei consumi.

L’economia piemontese, come del resto quella di tutta l’Europa ad eccezione della Spagna, rallenta, anche se meno della media italiana - dice Vladimiro Rambaldi, Presidente Comitato Torino Finanza -. Le nostre stime ci dicono che siamo in una fase di ristagno. Certo paghiamo l’effetto del rialzo dei tassi di interesse di 450 punti base in poco più di un anno da parte della Bce, un rialzo che si sta propagando sempre più all’economia reale in un contesto di crescita debole, inflazione elevata, anche se fortunatamente in rallentamento, e tensioni geopolitiche accentuate. La crescita ha bisogno di stimoli e, in questo senso, bisognerà vedere se nel 2024 basteranno le riforme del PNRR”.

"Questi dati ci mostrano un Piemonte che fa fatica a crescere, ma che è in linea con il dato nazionale. In quest’ottica non possiamo dimenticare che l'Italia ha un'economia solida, che offre diverse opportunità di espansione in settori come l'automotive, l'industria manifatturiera, l'energia rinnovabile, il turismo, la moda e il design. Tuttavia, affrontiamo alcune sfide strutturali che possono influenzare la nostra capacità di sviluppo come la burocrazia e l'elevata pressione fiscale. Inoltre, dobbiamo investire in infrastrutture materiali e immateriali e sostenere la ricerca scientifica e lo sviluppo tecnologico attraverso l'innovazione. Questo ci consentirà di affrontare le sfide interne ed esterne alla nostra economia", commenta il presidente di Unioncamere Piemonte, Gian Paolo Coscia.

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU