ELEZIONI REGIONALI
 / Economia e lavoro

Economia e lavoro | 11 novembre 2023, 11:10

Torino paga il conto dei tassi d'interesse: calano le vendite (-3,4%) e crollano i mutui (-25,6%)

Gallo Orsi (presidente notai): "Segnali preoccupanti, perchè manca l'appoggio del credito e le imprese edili rischiano effetti negativi sull'occupazione"

cartelli con scritto vendesi

I tassi di interesse zavorrano le vendite di case a Torino, ma soprattutto i mutui

Contrastare l'inflazione rischia di creare danni "collaterali" cui forse nessuno aveva pensato. Succede nel mondo dell'edilizia e il territorio di Torino non fa eccezione. Se il costo del denaro punta con (troppa) decisione verso l'alto, ci sono settori che accusano pesantemente l'effetto. A cominciare da quello dell'edilizia, dove ottenere un mutuo diventa sempre più difficile e dunque vengono zavorrate anche le vendite. 

Crollano gli acquisti della prima casa

Proprio l'immagine restituita dalle ricerche dei Dati statistici Notarili (DSN), che dimostrano come a Torino la diminuzione nei primi sei mesi dell'anno sia stata di oltre tre punti percentuali (-3,4%). Soprattutto la prima casa acquistata da impresa subisce un crollo: -41%, mentre l’acquisto della prima casa tra privati registra un calo più contenuto, anche se evidente (-6,8%). Segno positivo invece per l’acquisto delle seconde case tra privati, con un +5,3%, mentre l’acquisto delle seconde case da impresa subisce un calo del 7,2%.

Gli effetti negativi si riflettono sui mutui

L'effetto sui mutui è ancora più evidente: -25,6% che si aggrava a un -31,5% se si parla di prima casa. La riduzione del capitale erogato è pari al 36% (da 1.541.061.396 nel primo semestre 2022 a 984.765.079 nel primo semestre 2023). Per cercare di sfuggire alle trappole dei tassi di interesse, anche a Torino, come in tutta Italia, le surroghe aumentano del 9% nel primo semestre 2023 rispetto al primo semestre 2022.

Gallo-Orsi: "Tutti segnali preoccupanti"

I dati più rilevanti che si traggono dal report, oltre alla discesa generalizzata delle compravendite e dei mutui, sono sostanzialmente due: il calo delle vendite del nuovo, che ovviamente sconta prezzi più alti, e il crollo verticale dei mutui sia sulle prime che sulle seconde case, ben maggiore del calo delle compravendite - commenta Maurizio Gallo-Orsi, presidente del Consiglio notarile dei distretti riuniti di Torino e Pinerolo - Sono segnali preoccupanti: da un lato per quanto riguarda l’occupazione nelle imprese edili, dall’altro perché sta venendo a mancare la leva del credito, fondamentale per la ripresa del mercato, che però patisce il rialzo dei tassi”.

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium