/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 06 novembre 2023, 07:00

Braccia restituite all'agricoltura, Coldiretti passa col verde: "Sempre più giovani nel settore: +12,8%"

La tendenza si è manifestata in maniera evidente soprattutto negli under 30 nel corso degli ultimi dieci anni

Uomo che coltiva la terra

I giovani tornano a scegliere il mestiere dell'agricoltura, soprattutto sotto i 30 anni

"Braccia rubate all'agricoltura": era questo il titolo di disapprovazione più gettonato, fino a qualche anno fa, dagli insegnanti nei confronti degli studenti svogliati o poco motivati. Ma ora non sarà più possibile dirlo, perchè i numeri confermano che non si tratta più della realtà. Anzi: i giovani tornano a lavorare nel settore primario. Magari non a coltivare direttamente i campi, ma senza dubbio a interessarsi del comparto.

In netta controtendenza 

Lo dicono gli ultimi dati di Coldiretti su base Infocamere e Unioncamere: se in generale si è perso oltre un quarteo delle persone che vogliono lavorare tra campi e allevamento (-25,2% in dieci anni), le persone con meno di 30 anni hanno deciso di andare in direzione ostinata e contraria. Per loro, l'aumento è addirittura del 12,8%. 

Ma non solo: dal 2014 al 2023 le giovani imprese agricole spiccano per estensione e soprattutto per il salto di qualità compiuto in termini di digitalizzazione, innovazione e professionalità ed hanno infatti una estensione media di 18,3 ettari a fronte della media nazionale di 10,7 ettari.

"Hanno rivoluzionato il mestiere"

Le imprese giovani hanno di fatto rivoluzionato il mestiere dell’agricoltore - dice Claudia Roggero, delegata Giovani Impresa Piemonte -impegnandosi soprattutto in attività multifunzionali che vanno dalla trasformazione aziendale dei prodotti alla vendita diretta, dalle fattorie didattiche alle attività ricreative, l’agricoltura sociale, l’agribenessere e la cura del paesaggio o la produzione di energie rinnovabili. La pandemia, poi, ha accelerato il fenomeno del ritorno alla terra e maturato la convinzione comune che le campagne siano oggi capaci di offrire e creare opportunità occupazionali e di crescita professionale, peraltro destinate ad aumentare nel tempo”.

"Sostenere i giovani contro gli ostacoli al ritorno"

Occorre sostenere il ritorno alla terra dei giovani superando gli ostacoli burocratici che si frappongono all’insediamento – evidenziano Cristina Brizzolari, presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa, delegato confederale -. E’ necessario investire su un settore strategico per far ripartire l’Italia e l’Europa grazie anche a una nuova generazione di giovani attenti all’innovazione e alla sostenibilità. Ancora più in un periodo in cui l’economia soffre, risulta ulteriormente grave e inaccettabile ostacolare le progettualità economiche di coloro che hanno scelto l’Italia quale luogo per realizzare le proprie idee imprenditoriali, impedendo lo svilupparsi degli impatti sociali che ne derivano, in primis i posti di lavoro".

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium