/ Politica

Politica | 06 settembre 2023, 16:12

Urso riaccende i motori Euro 5 a pochi giorni dallo stop: "niente blocco". Ascom soddisfatta, gli ambulanti no: "Torneremo in piazza"

Le parole del responsabile per le Imprese nel corso del question time alla Camera. Ma c'è chi non si accontenta: "il nostro problema non era solo l'euro 5 ma ci sono anche gli altri euro che sono la maggior parte dei mezzi con cui andiamo a lavorare"

blocco auto

Urso riaccende i motori Euro5 a pochi giorni dallo stop: "niente blocco"

''Posso annunciare che sulla base del confronto in atto è verosimile che nella prossima settimana si possa evitare il blocco dei veicoli' Euro 5 in Piemonte". Lo afferma il ministro per le Imprese, Adolfo Urso, nel corso del question time alla Camera.

''Il governo, sollecitato dalla Regione, dai comuni e dalle associazioni del Piemonte, e non soltanto, è prontamente intervenuto'' con una prima riunione alla fine di agosto e, sulla base dell'informativa del ministro dell'Ambiente, Gilberto Pichetto, ''sono state date precise indicazioni affinché agissero, in intesa con la regione e un confronto positivo con la Commissione' europea".

Lo stop sarebbe partito il 15 settembre

Lo stop dei diesel Euro 5 era stato programmato a partire dal 15 settembre. “Come garantito, il governo è pronto a scongiurare il folle divieto per i diesel Euro 5 in Piemonte voluto dall’Europa. Siamo determinati a difendere l’ambiente, senza estremismi ideologici che non migliorano la qualità dell’aria ma peggiorano le condizioni di centinaia di migliaia di famiglie e lavoratori”. Così in una nota il Vicepremier e Ministro per le Infrastrutture Matteo Salvini.

Ascom: "Ascoltata la voce delle categorie economiche"

"Bene la conferma del Ministro Urso, durante il question time alla Camera, riguardo alla sospensione del blocco dei diesel Euro 5 – commenta la presidente di Ascom Torino e provincia Maria Luisa Coppa -Ringraziamo per questo il ministro Urso, e con lui il ministro Gilberto Pichetto Fratin, per aver ascoltato la nostra voce. Così come ringraziamo il governatore Alberto Cirio e i suoi assessori per aver tenuto conto dei nostri numerosi appelli e proposte".

"Il dialogo è stato molto serrato in queste settimane; abbiamo lavorato senza dare troppo clamore e coinvolgendo tutti i comparti interessati e rappresentati da Ascom: dagli autotrasportatori agli agenti di commercio, dagli ambulanti ai commercianti, che vedono nel blocco un freno allo spostamento dei clienti, fino a tutti coloro che devono ritirare e consegnare le merci", aggiunge Coppa. "Ora attendiamo l'atto formale del governo, ma la dichiarazione del Ministro Urso ci ha già messi nello stato d'animo giusto per iniziare subito a lavorare in modo da approfittare di questo periodo di sospensione per individuare, insieme alle istituzioni, strategie e azioni utili a garantire ai nostri imprenditori la possibilità di lavorare nel rispetto delle normative di tutela dell'ambiente".

Gli ambulanti: "Noi inascoltati"

"Abbiamo detto più volte che il nostro problema non era solo l'euro 5 ma ci sono  anche gli altri EURO che sono la maggior parte dei mezzi con cui andiamo a lavorare. Prendiamo le distanze dai festeggiamenti della associazione Ascom-Confcommercio che ormai da anni ci rappresenta solo dalla scrivania". A scriverlo sono gli ambulanti. "Noi restiamo inascoltati e dalla prossima settimana rischiamo il lavoro ,cosa non è stato capito dalla nostra protesta dove si chiedeva di poter tornare a lavorare con i nostri mezzi? Siamo pronti a invadere le piazze. Ora basta!".

Preioni, in Regione una mozione per scongiurare il blocco

Bloccare oggi gli Euro 5 è una decisione devastante per i cittadini, per i lavoratori e per le imprese. Ed è l’ennesima forzatura di Bruxelles, in nome di un ambientalismo molto ideologico e per nulla pratico”. Alberto Preioni, capogruppo della Lega in Consiglio regionale del Piemonte, annuncia d’aver depositato una mozione per scongiurare questo blocco, che “oltretutto arriva quando i dati dimostrano un significativo miglioramento della qualità dell’aria, grazie alle politiche di riduzione delle emissioni messe in atto dalla Regione”.

redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium