/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 26 luglio 2023, 19:25

A Torino il mattone è in salute, ma non trova lavoratori: "Mancano almeno 15mila addetti, pagati bene"

Mattio (Ance Torino): "Il nostro contratto è ben oltre il salario minimo e offre opportunità. Il settore cresce, ma temiamo i tassi di interesse"

foto di archivio

A Torino il mattone è in salute, ma non trova lavoratori: "Mancano almeno 15mila addetti, pagati bene"

Il mattone torinese gode di buona salute, spinto da bonus (e superbonus). Soffre di malanni ormai diffusi, come l'aumento dei tassi di interesse e denuncia addirittura una carenza: 30mila addetti in tutto il Piemonte, su un totale di 300mila su scala italiana. Su Torino e provincia la stima si aggira sui 15mila.

"Siamo ben oltre la soglia del salario minimo"

In tempo di dibattito su salario minimo, "Il nostro contratto collettivo è tra i più cari a livello nazionale, con salari adeguati, ma anche formazione, welflare e garanzie sanitarie", spiega Antonio Mattio, presidente di Ance Torino. "Un operaio comune prende 1.483 euro netti, per 13 mesi - sottolinea -, mentre un impiegato di settimo livello prende quasi 1.986 euro per 14 mensilità o 15, in caso di particolare anzianità. Siamo chiaramente oltre i 9 euro all'ora. Peraltro netti e non lordi".

Nessuno vuole lavorare in edilizia?

"Siamo un settore poco ambito, tra giovani generazioni e famiglie, ma ormai siamo un'edilizia 4.0 e lo studio è un elemento importante. Io sto cercando da 10 mesi un assistente di cantiere, senza trovarlo", aggiunge Mattio.

Il danno, piuttosto "arriva da chi non applica il contratto corretto, creando anche dumping e concorrenza sleale per tutta la categoria. Su questo ci sono da anni accordi e intese con le istituzioni e il settore pubblico per la sua corretta applicazione". I più grandi nemici? "Multiservizi, manutentori aree verdi e così via".

E il superbonus aveva dato un impulso importante, "facendo nascere nell'arco di un anno circa 11mila aziende in tutta Italia, tra il 2021 e il 2022, molte delle quali improvvisate".

I dati della prima metà del 2023

I numeri raccontano una prima metà dell'anno che ha visto aumentare i bandi di gara aumentare del 110% a Torino e provincia, per un importo da 272 milioni di euro. Da gennaio a giugno i permessi a costruire sono stati il 43,72% in più, per una volumetria di oltre 97mila metri cubi.

Le ombre di Pnrr e Superbonus

Ma ci sono altre preoccupazioni, in questo periodo, legate al Pnrr: "Si è un po' perso il filo delle riforme e si parla della messa a terra dei fondi. Ma spesso le due cose sono collegate tra loro, come dimostra il codice degli appalti. Una rimodulazione era forse necessaria, visto che è nato in un periodo storico diverso, mentre ora i costi e i tassi di interesse sono molto più alti".

"In un finanziamento aumenti dei tassi come quelli che stiamo vivendo incidono davvero molto e il sistema deve capire quanto incida sul mondo delle imprese. Non vorremmo tornare alla situazione dei crediti deteriorati come è accaduto in passato, vorrebbe dire non aver imparato dal passato".

Sul superbonus "va benissimo abbassare la percentuale nel tempo, magari tenendolo al 100% per chi ha isee più basse e un 70% per I redditi più alti, magari da coprire con mutui green creati apposta dal mondo bancario". "Ma purtroppo il vero problema di questo problema resta la burocrazia, nonostante i tanti impegni e con i provvedimenti che finiscono per accavallare anche quando vogliono semplificare", conclude Mattio.

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium