ELEZIONI REGIONALI
 / Sanità

Sanità | 18 febbraio 2023, 11:31

Eccezionale intervento di cadiologia mini-invasiva alle Molinette salva la vita ad una profuga ucraina di 86 anni

La paziente è stata sottoposta con successo alla sostituzione percutanea della valvola aortica

intervento molinette - foto di archivio

Eccezionale intervento alle Molinette salva la vita ad una profuga ucraina di 86 anni

Nei giorni scorsi una donna anestesista profuga ucraina di 86 anni è stata salvata grazie ad un intervento di cardiologia mini-invasiva TAVI, presso l'ospedale Molinette della Città della Salute di Torino.

La fuga dalla guerra per riabbracciare i propri cari in Piemonte

Abbandonare il proprio Paese in guerra, lasciare alle proprie spalle solo macerie e distruzione per ritrovare la famiglia e la salute in Piemonte. Questo è quanto è successo ad una donna di 86 anni, medico anestesista ucraino in pensione che, dopo aver visto distruggere la propria casa, è fuggita dalla propria terra e, attraverso un lungo viaggio dall’Ucraina all’Italia, ha potuto riabbracciare i propri cari residenti in Piemonte.

Sofferente per una stenosi aortica molto grave

All’arrivo, nello scorso autunno, tuttavia è apparso subito chiaro che le sue condizioni di salute non erano buone. I primi accertamenti e quindi la diagnosi di stenosi aortica severa, una patologia molto diffusa nella popolazione anziana che, se non trattata, ha un’alta mortalità. Grazie all’accesso al Servizio Sanitario Nazionale, garantito ai profughi ucraini, la paziente è stata sottoposta con successo alla sostituzione percutanea della valvola aortica.

L'intervento effettuato dall’équipe dei Rinaldi e De Ferrari

L’intervento, chiamato TAVI, consiste nell’impianto mini-invasivo, a paziente sveglio, di una protesi valvolare biologica in sostituzione della valvola malata. L’intervento è stato eseguito dall’équipe del professor Mauro Rinaldi (Direttore della Cardiochirurgia) e del professor Gaetano De Ferrari (Direttore della Cardiologia universitaria), dal dottor Federico Conrotto, dal dottor Michele La Torre e dal dottor Pierluigi Omedè, presso l'ospedale Molinette di Torino.

La paziente dimessa dopo soli tre giorni

Pienamente riuscito, l’intervento ha permesso alla paziente di essere dimessa dopo soli tre giorni. “Un bell’esempio di buona sanità, a dimostrazione delle ottime capacità organizzative del nostro Sistema sanitario regionale” sottolineano insieme il professor Rinaldi e il professor De Ferrari.

redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium