/ Eventi

Eventi | 20 gennaio 2023, 18:58

Nel weekend Torino festeggia il Capodanno cinese e invita anche Antigone e Karamazov

Ma ci sono anche eventi di arte, cultura e letture. Una ricca offerta culturale per chi resta in città

L'Antigone di Vacis in scena alle Fonderie Limone

L'Antigone di Vacis in scena alle Fonderie Limone

MOSTRE ED EVENTI 

NUITS DE LA LECTURE 
Fino a domenica 22 gennaio
L'Alliance Française di Torino propone appuntamenti e aperti al pubblico francofono e non solo. La 7°edizione della manifestazione, creata nel 2017 dal Ministero della Cultura francese per celebrare il piacere di leggere e democratizzare l’accesso alla lettura, ruota intorno al tema de LA PAURA. L’Alliance Française Torino propone la quarta edizione torinese delle "Nuits de la lecture": ogni volta l’obiettivo è creare occasioni di scoperta, dialogo e divertimento intorno al tema della lettura e rivolti a tutti i tipi di pubblico. Per l’edizione 2023 l’Alliance Française Torino propone momenti di incontro e di cultura declinati sul tema di quest’anno: la paura.
Infohttps://www.alliancefrto.it/

MUTA EVANESCENZA 
Fino al 5 febbraio 
La mostra “M.E. - Muta Evanescenza” dell’artista torinese Daniele de Magistris attraverso una serie di foto preserva e ripercorre il suo personale percorso di vita. Le opere esposte, danneggiate dal tempo e dalla percezione sensoriale dell’autore, hanno l’intento di trasmettere al visitatore uno strano senso di malinconico disagio che punta a riflettere sull’importanza della comunicazione intrapersonale e interpersonale come mezzo essenziale per capire al meglio la realtà. L’esposizione aprirà al pubblico sabato 21 gennaio presso gli spazi di Casa Giglio Onlus in Via Cappel Verde, 2  fino a domenica 5 febbraio. L’ingresso è totalmente gratuito senza obbligo di prenotazione ed è possibile accedervi tutti i giorni dalle 10 alle 18.
Infodemagistris.daniele@libero.it 

GIORNO DELLA MEMORIA - CASCINA ROCCAFRANCA
Fino al 4 febbraio 
In occasione del Giorno della Memoria, istituita in ricordo delle vittime dei totalitarismi del XX secolo ed in particolare in memoria dello sterminio del popolo ebraico, la Cascina Roccafranca, ha organizzato anche quest'anno una piccola rassegna: “Giorno della Memoria 2023”. Fino al 4 febbraio una mostra fotografica, la proiezione di documentari e di un film, uno spettacolo teatrale, testimonianze e momenti di riflessione per tenere viva la memoria su uno degli avvenimenti che hanno sconvolto il Novecento.
Infoinforoccafranca@comune.torino.it - www.cascinaroccafranca.it 

IL CANTO DEL CAPRO
Fino al 26 febbraio 
"Il Canto del capro" è un’opera installativa inedita concepita da GianMarco Porru per gli spazi di t-space X MAO visitabile dal 21 gennaio al 26 febbraio. L’opera prolunga una serie di tematiche presenti nella ricerca dell’artista ed espande una mitologia mediterranea che riflette su un sincretismo religioso diffuso in diverse aree geografiche e culturali, alcune delle quali rappresentate nelle collezioni del Museo. Il Canto del capro è la ricostruzione fantastica e la visualizzazione tridimensionale di una narrazione ipotetica che si innesta nel processo di interpretatio religiosa. GianMarco Porru si concentra su un tempo sospeso precedente all’adesione del culto monoteista e presenta una narrazione dell’Acqua in prima persona, attenta alle ritualità destinate a propiziarsi le divinità responsabili dei temporali.
Infohttps://www.maotorino.it/it 

CAPODANNO CINESE 
Da sabato 21 gennaio al 5 febbraio 
Alla Galleria del Museo d’Arte Urbana terza edizione di “Capodanno a Carnevale” a cura di Francesca Nigra, Edoardo Di Mauro. Allestimento Alberto Garino. Degustazione vini a cura di Stuzzivino L’iniziativa fa parte di Inside_Outside in collaborazione col progetto Fucina Campidoglio con il patrocinio dell'ANGI Associazione Nuova Generazione Italo-Cinese. Secondo il calendario cinese, ogni anno corrisponde a uno dei 12 animali dello zodiaco cinese, ciascuno si ripete quindi a cicli di 12 anni. Il 21 gennaio sarà la vigilia del nuovo anno del Coniglio. Rispettando la teoria degli elementi, ogni segno zodiacale è associato ci- clicamente a uno dei 5 elementi: oro (metallo), legno, acqua, fuoco o terra. II 2023 sarà quindi l’anno del Coniliglio d’Acqua, simbolo di pacatezza, prudenza e responsabilità. Gli studenti del Primo Liceo Artistico esporranno in una mostra collettiva la loro interpretazione pittorica del simbolo di questo nuovo anno. 
Info:  www.officinebrand.it


CARLO EMANUELE IV DI SAVOIA 
E' Carlo Emanuele IV di Savoia il protagonista del dipinto donato da Jacobacci&Partners alla Reggia di Venaria. La maestosa opera, realizzata dall'artista torinese Giovanni Antonio Maria Panealbo, andrò così a incrementare la sua collezione di opere dedicate al periodo sabaudo presente nel percorso di visita permanente. "Un’iniziativa lodevole che testimonia al tempo stesso la fiducia e la credibilità di cui la Reggia fortunatamente gode anche presso enti ed istituzioni con intenti di mecenatismo culturale" commenta il direttore Guido Curto. 
Info: https://lavenaria.it/ 

CONCERTI 

FOUR VOICES 
Venerdì 20 gennaio ore 21.30
Per la rassegna RadioLondra, Sergio di Gennaro, Flavio Boltro, Ares Tavolazzi, e Enzo Zirilli in concerto al Folkclub. "Four voices”, un quartetto di eccellenza tutta italiana, riunito da Sergio Di Gennaro con una intensa e rodatissima ritmica composta da Di Gennaro al pianoforte, Ares Tavolazzi al contrabbasso ed Enzo Zirilli alla batteria, insieme a Flavio Boltro, uno dei maggiori solisti europei, per un repertorio di brani originali scritti apposta per questa formazione di All Stars.
Infowww.folkclub.it 

TEATRO

ANTIGONE E I SUOI FRATELLI
Venerdì 20 gennaio ore 20.45, sabato 21 ore 19.30 e domenica ore 15.30
Adattamento della tragedia di Sofocle a cura di Gabriele Vacis. In scena gli attori della compagnia PEM (Potenziali Evocati Multimediali). Vacis mette in scena una fitta rete di rimandi alla storia del personaggio di Antigone alla ricerca della “sostanza pesante della fraternità”.
INFO: Fonderie Limone, via Pastrengo 88, Moncalieri, www.teatrostabiletorino.it

LE MEMORIE DI IVAN KARAMAZOV
Venerdì 20 ore 21, sabato 21 ore 19.30 e domenica 22 gennaio ore 17
Un percorso dentro il più grande romanzo di Dostoevskij, "I fratelli Karamazov", che Umberto Orsini affronta per la terza volta nella sua carriera d’attore come un vero e proprio "cavallo di battaglia". Ivan Karamazov ritorna qui a parlare come un uomo ormai maturo che sente di non aver ancora esaurito il suo compito e di dover chiarire le esatte dinamiche dei propri delitti e dei castighi perché ritiene che il suo personaggio sia troppo limitato per esprimere la complessità del suo pensiero.
INFO: Teatro Astra, via Rosolino Pilo, www.fondazionetpe.it

UNA SERATA DA OSCAR
Sabato 21 gennaio ore 20.45
Sala Scicluna presenta una singolare pièce tragicomica in due atti, che accompagna lo spettatore dentro l'esclusivo mondo dell'alta società londinese descritta da Oscar Wilde. Sul palco saliranno alcuni personaggi nati dalla penna dello scrittore-commediografo irlandese.
INFO: Sala Scicluna, via Martorelli 78 interno cortile, prenotazione obbligatoria con messaggio o whatsapp al numero 3474002314.

Daniele Angi e Chiara Gallo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium