/ Politica

Politica | 19 dicembre 2022, 12:47

Al via il restyling di Palazzo Lascaris: due anni e mezzo di lavori per 6,6 milioni di euro

Stefano Allasia, presidente del Consiglio regionale: “Il 2023 sarà l’anno dell’autonomia e della nuova legge elettorale”

palazzo lascaris

Al via il restyling di Palazzo Lascaris: due anni e mezzo di lavori per 6,6 milioni di euro

Palazzo Lascaris si rifà il look. Sono iniziati i lavori di ristrutturazione del palazzo sede del Consiglio regionale, che saranno completati in 943 giorni. Poco più di due anni e mezzo.

Il restyling di Palazzo Lascaris

Chiunque passi da via Alfieri se n’è accorto: dopo oltre 40 anni la sede del Consiglio regionale del Piemonte sta tornando al suo splendore” ha commentato il presidente dell’assemblea subalpina Stefano Allasia. La ristrutturazione, che non inciderà sull’attività amministrativa, permettere a di sostituire 156 finestre, per un restauro di 7.190 metri quadri di facciata. Verrà inoltre realizzata una nuova caldaia, rifatti 2.578 metri quadrati di tetto. La facciata e il tetto saranno ultimati nel 2024, l’aula del Consiglio nel 2025. Ma c’è di più: nel palazzo a fianco verrà realizzata una grande biblioteca aperta a tutta la città. 

I numeri dell'anno 2022

L’occasione è servita a fare il punto sull’attività svolta dal Consiglio regionale nel 2022: 53 le sedute, di cui 48 svolte in presenza, per un totale di 220 ore. Lavori che sono serviti ad approvare 26 leggi, 61 atti di indirizzo e 62 delibere. 

Le commissioni consiliari si sono invece riunite 263 volte e licenziato 10 disegni di legge, 8 proposte di legge e 16 proposte di deliberazione. 

I conti del Consiglio regionale 

Il caro energia non ha risparmiato il bilancio triennale 2022/2024 del Consiglio regionale, che nonostante i 48,6 milioni stabilito, ha dovuto prevedere uno stanziamento di altri 3 milioni di euro. Diminuisce di 500 mila euro circa la spesa per il personale, stimata in 18,8 milioni nel 2022. 

Allasia: “2023? Obiettivo autonomia e legge regionale”

Se il 2022 volge al termine, lo sguardo della presidenza non può che essere rivolto all’anno che verrà: “Il 2023 sarà caratterizzato dalle riforme strutturali del Consiglio: sarà l’anno della nuova legge regionale e dell’autonomia. Abbiamo invitato il ministro Calderoli a Palazzo Lascaris per valutare attentamente le richieste del Piemonte al fine di calibrare la riforma istituzionale”.

Parola ai vice presidenti del Consiglio

Anche i vice presidenti del Consiglio regionale hanno fatto il punto sull’attività svolta. “Sono stati istruiti è concesso 225 patrocini gratuiti e 406 patrocini onerosi” è il commento di Franco Graglia. “Ricchi e vari i calendari di iniziative per Giorno della Memoria, Giorno del Ricordo e Festa della Liberazione” ha affermato Daniele Valle.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium