/ Politica

Politica | 08 luglio 2022, 10:50

Piscine in ginocchio, Regione in soccorso. Biletta: "840.00 euro per aiutare chi ha sofferto” [VIDEO]

La consigliera regionale di Forza Italia illustra una delibera che prevede un bando gli impianti natatori piemontesi che hanno subito gli effetti di Covid e caro energia: “E’ un settore che ha sofferto molto”

alessandra biletta

La Regione tende la mano alle piscine, Biletta (FI):"Un bando per aiutare chi ha sofferto"

Una mano tesa a chi è in difficoltà. A un comparto, quello delle piscine piemontesi, in ginocchio a causa del Covid prima e del caro energia poi. E’ questo l’obiettivo della delibera, già passata in commissione, prossima all’approvazione in Giunta e che prevede uno stanziamento di 840.000 euro per gli impianti natatori del Piemonte.

Piscine in ginocchio tra Covid e bollette alle stelle

A illustrarla la consigliera che da mesi è in prima fila per sostenere un settore che importante non solo dal punto di vista sportivo e sociale, ma anche ricreativo e occupazionale, Alessandra Biletta (Forza Italia): “Da subito, appena scoppiata la pandemia, ho cercato di portare l’attenzione della Regione sugli impianti natatori. Senza voler dimenticare le forze produttive del paese, credo che questo settore abbia sofferto molto”.

La consigliera regionale ha ricordato come nel primo periodo del lockdown, nonostante le attività produttive sospese, le piscine abbiano dovuto mantenere in vita gli impianti e abbiano dovuto sostenere al 100% i costi energetici, tra riscaldamento, mantenimento delle vasche piene e ricircolo dell’acqua. Una volta riaperte, le piscine hanno poi dovuto affrontare il problema di bollette schizzate alle stelle, con impennate comprese tra il 70% e il 100%.

Il bando da 840.00 euro per le piscine

Da qui l’iniziativa presentata da Biletta: “Ho sollevato la questione al presidente Cirio, che si è dimostrato subito molto sensibile e siamo arrivati a una delibera che passerà a breve in Giunta regionale e ha già avuto il via libera dalla commissione consiliare competente: questa delibera prevede uno stanziamento specifico di 840.000 euro per una misura ad hoc rivolta a questo settore”.

Nel concreto, come ha spiegato la consigliera regionale di Forza Italia, verrà aperto un bando a sportello, organizzato insieme a Fin Piemonte, a cui parteciperanno i soggetti gestori delle piscine. Chi vi accederà potrà avere un ristoro parziale dei costi di gestione sostenuti durante la pandemia e i costi energetici: “Sarà un bando rivolto agli impianti natatori piemontesi che per 100 giorni non consecutivi ha tenuto aperte le piscine in pandemia, dal 31 gennaio 2020 al 31 marzo 2022”.

Chi può e come accedere al bando

Per accedere al bando bisognerà dimostrare di essere titolari di una piscina coperta, con una dimensione minima di 200 metri quadri in cui si svolgono attività acquatiche come il nuoto, nuoto sincronizzato, pallanuoto e tuffi. Non saranno invece comprese le piscine termali.

 

 

Si tratta di un intervento importante, concreto: siamo soddisfatti come gruppo di Forza Italia per una misura che va incontro in maniera concreta ed efficace a un settore che ha sofferto molto” ha concluso Biletta.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium