/ Politica

Politica | 24 giugno 2022, 09:00

Dal Pnrr 260 milioni per la digitalizzazione dei Comuni: il Piemonte crea una task force per presentare i progetti

Marnati: “L’80% dei Comuni sotto i 5.000 e 10.000 abitanti è in difficoltà nel partecipare ai bandi europei”

alberto cirio

Dal Pnrr 260 milioni per la digitalizzazione dei Comuni: il Piemonte crea una task force

La Regione, il Csi e Torino wireless tendono la mano ai piccoli Comuni del Piemonte per aiutarli a digitalizzarsi e ad accedere agli indispensabili fondi del Pnrr.

Task force per aiutare i piccoli Comuni

E’ con questo obiettivo che è stata istituita una task force che mira ad aiutare i Comuni sotto i 5.000 e 10.000 abitanti a presentare progetti che permettano di accedere a fondi europei. Un piatto piuttosto ricco quello della “Missione 1”, che consiste in 260 milioni di euro da ripartire in base a progetti e abitanti per portare a termine il progetto Piemonte digitale 2030.

Per ottenere i fondi necessari ad avviare la digitalizzazione e non perdere l’occasione di dare una svolta digitale alla pubblica amministrazione, la task force dialogherà direttamente con i Comuni al fine di accompagnarli in questo processo.

Marnati: "Intervento di sostegno necessario"

Siamo in un periodo con tantissimi fondi a disposizione per la trasformazione digitale: in particolare ci viene richiesto come obiettivo la riforma della pubblica amministrazione” racconta l’assessore all’Innovazione della Regione Piemonte, Matteo Marnati. "Noi abbiamo in Piemonte l’80% del 1182 comuni sotto i 5.000 abitanti, ma anche sotto i 10.000, con grave difficoltà e che fanno fatica a partecipare ai bandi contemporaneamente” è la fotografia delineata dall’assessore.

Da qui l’istituzione della task force: “Busseremo Comune per Comune per aiutarli a partecipare ai bandi: i servizi digitali sono imprescindibili, i Comuni devono averli. E’ il minimo indispensabile” ha concluso Marnati.

Il contributo di Torino Wireless

A spiegare come opererà concretamente la task force è Massimiliano Cipolletta, della fondazione Torino Wireless: “Noi forniremo assistenza per l’accesso e l’interpretazione della missione 1, creando una correlazione tra necessità e attuazione”. Il primo passo sarà "formulare la richiesta, il secondo accedere alle misure e infine creare la messa e terra che consenta, tramite la digitalizzazione, di risolvere i problemi dei piccoli Comuni” ha concluso il presidente di Torino Wireless.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium