/ Sport

Sport | 14 giugno 2022, 09:34

Alla Reggia di Venaria per "The Night of Kick and Punch 12" anche Elisabetta Canalis

L'evento di gala dedicato agli sport da ring si svolgerà sabato 18 giugno

Alla Reggia di Venaria per "The Night of Kick and Punch 12" anche Elisabetta Canalis

Night of Kick and Punch si svolgerà sabato 18 giugno alla Reggia di Venaria. 

Una serata di gala dedicata agli sport da ring quest’anno avrà come protagonista la kickboxing stile K-1 che consente di colpire l’avversario con calci, pugni e ginocchiate. Denominata Black Tie Edition (edizione in cravatta nera), organizzata da Angelo Valente, in collaborazione con la Reggia di Venaria, con la Federazione Medico Sportiva Italiana come main sponsor, con la Sap Fighting Style dell’Avv. Michele Briamonte come sponsor tecnico, con l’Università Telematica San Raffaele Roma come sponsor, con la partecipazione straordinaria di Elisabetta Canalis, la Night of Kick and Punch 12 sarà un evento ad invito in cui gli spettatori potranno assistere ai combattimenti seduti a tavola, gustando pietanze di alta cucina dopo aver bevuto un aperitivo nello spettacolare giardino della Reggia di Venaria. Presenteranno la bellissima Federica Fontana e Valerio Lamanna, la voce degli sport da combattimento in Italia

Due atleti italiani combatteranno per il titolo mondiale della Wako-Pro, la principale federazione di kickboxing a livello globale: Luca Cecchetti sfiderà il moldavo Maksim Kazaku per il vacante titolo dei pesi gallo, mentre Luca Grusovin affronterà lo spagnolo Tito Macias per il vacante titolo dei pesi piuma. 

Elisabetta Canalis sosterrà un match sulla distanza di tre riprese da un minuto e mezzo ciascuna contro Rachele Muratori con le regole dello stile low kick: pugni al viso ed al corpo, calci al viso, al corpo ed alle gambe: “Sono felice della presenza di tanti giornalisti e fotografi a questa conferenza stampa. Uno dei motivi per cui ho voluto salire sul ring è aiutare la kickboxing ad avere maggiore spazio sui mezzi di comunicazione. Vivo a Los Angeles e quindi so quanta visibilità hanno gli sport da combattimento negli Stati Uniti. Questi atleti meritano di essere famosi a livello nazionale anche in Italia. Ammiro molto la campionessa di mixed martial arts Amanda Nunes e le fuoriclasse di kickboxing e muay thai che vedo combattere nel circuito One Championship".

Conclude l’organizzatore Angelo Valente: “Come Elisabetta, anch’io voglio spendere qualche parola per i campioni di kickboxing: i nostri atleti compiono grandi imprese, come quella di Joseph Lasiri a Singapore, e la stampa italiana li ignora.  Non immaginate quanto si allenano e con quanta passione. Meritano maggiore spazio sui mezzi di comunicazione.”


redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium