/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 10 maggio 2022, 10:53

Città Metropolitana e Robotica 4.0: formazione continua a sostegno dell’occupazione

I corsi si tengono in uno spazio dedicato in Biblioteca Archimede, uno dei principali poli formativi e culturali del territorio metropolitano, e durano circa 8 ore al giorno

Città Metropolitana e Robotica 4.0: formazione continua a sostegno dell’occupazione

Città Metropolitana e Robotica 4.0: formazione continua a sostegno dell’occupazione

Soddisfazione per la Città metropolitana per l’avvio del progetto "Robotica 4.0 Imparare per fare", un ciclo di corsi di formazione specializzata sulla robotica, destinato a favorire la conoscenza di strumenti tecnologici utili a inserirsi o rientrare nel mercato del lavoro.

Il progetto ha ottenuto un finanziamento di circa 50 mila euro erogato da Città metropolitana all'Unione Net, con risorse messe a disposizione da Compagnia di San Paolo.

Nei giorni scorsi i rappresentanti del Comune di Settimo, di Unione Net e di Città metropolitana hanno firmato il protocollo d'intesa che suggella l'accordo. Il progetto prevede cinque tipologie di corsi gratuiti, con target diversi. In tutti i casi i partecipanti imparano a utilizzare i robot industriali forniti dall'azienda Comau, partner del progetto. I corsi, della durata variabile fra 2 e 10 giorni e concepiti su diversi livelli, sono Robotica educativa, Robotica industriale (livello base), Programmazione-Python, Percorso integrato (livello medio) e Percorso facilitatori (livello avanzato).

I corsi si tengono in uno spazio dedicato in Biblioteca Archimede, uno dei principali poli formativi e culturali del territorio metropolitano, e durano circa 8 ore al giorno. Gli studenti vengono seguiti da formatori specializzati e acquisiscono competenze che potranno, in alcuni dei percorsi, essere verificate da un esame finale.

I corsi di formazione forniscono strumenti di conoscenza della robotica e si rivolgono a persone senza occupazione fra i 20 e i 50 anni iscritti al Centro per l'impiego, ai “Neet” (le persone che al momento non studiano e non sono in cerca di occupazione) e anche a studenti degli istituti superiori. Il corso Facilitatori è rivolto al personale degli enti partner dell'iniziativa e ha l'obiettivo di consolidare le loro conoscenze per poter portare avanti e implementare nel tempo il progetto. La platea dei partecipanti, al momento una quarantina, è stata selezionata dal Centro per l'impiego e dalle scuole superiori di Settimo coinvolte nel progetto, l'Istituto 8 marzo, l'Istituto Galileo Ferraris e l'Enaip.

“L'obiettivo del progetto Robotica 4.0 è duplice” spiega l'assessore al lavoro di Settimo” Da un lato, favorire l'inserimento o il rientro nel mercato del lavoro di persone che per varie ragioni ne sono fuori. Dall'altro, agevolare una formazione con un buon livello di specializzazione nelle competenze tecnologiche, sempre più richieste dalle aziende”.

“La formazione” commenta il Sindaco di Leinì e presidente dell’Unione Net “è la chiave fondamentale per favorire l’inserimento lavorativo delle persone, soprattutto di quelle fasce di cittadini che si trovano in difficoltà di fronte all’evoluzione del mondo del lavoro o non sono ancora arrivati a farne parte. II progetto Robotica 4.0 sviluppa un modello di intervento pubblico potenzialmente replicabile anche in altri Comuni dell'Unione”.

Per la Città metropolitana di Torino la Consigliera delegata a sviluppo economico, attività produttive, pianificazione strategica sottolinea che “La robotica è uno strumento strategico per lo sviluppo economico e delle imprese e non deve esser pensata come un qualcosa che si sostituisce o esclude ai lavoratori dalla catena produttiva ma come uno strumento che va gestito in modo diverso e che richiede competenze nuove, che dovrebbero essere patrimonio di tutti anche solo a livello di conoscenze generali, per orientarsi nel mondo del lavoro”.

Un ragionamento che trova la Consigliera delegata a istruzione, sistema educativo, rete scolastica, in sintonia: “L’obiettivo di questa iniziativa coinvolge studenti degli istituti superiori, persone senza occupazione e quella fascia, particolarmente fragile, dei Neet: è un percorso di avvicinamento a competenze che devono fare parte del bagaglio di base di chi deve entrare nel mondo del lavoro. Ma la robotica è anche un settore che ha grandi possibilità di espansione e può stimolare una dimensione più creativa”.

Comunicato Stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium