/ Cronaca

Cronaca | 19 dicembre 2021, 16:39

La "scelta" di Luisa Diaz Chamorro: da ingegnere ad artista con un atelier a Usseaux

Dopo il licenziamento a luglio ha scelto di cambiare vita: "Sogno di aprire uno studio e una scuola"

La "scelta" di Luisa Diaz Chamorro: da ingegnere ad artista con un atelier a Usseaux

Tutti sognano di cambiare vita, Luisa Diaz Chamorro lo ha fatto per davvero. Dopo anni di lavoro come ingegnere, da quest’estate ha intrapreso la carriera di pittrice e ha aperto il suo studio in un piccola stalla che interamente restaurato. 51 anni, una vita e una carriera vissuta insieme al marito e al figlio tra l’Italia e la Spagna, dopo aver ricevuto la notizia del licenziamento a luglio, ha preso in mano i pennelli e ha trasformato una passione un vero e proprio mestiere. 

Dipingo da quando ero piccola” racconta l’artista originaria proprio della città natale di Pablo Picasso, Malaga: “A 15 anni sono andata a scuola nell’atelier di un pittore locale, poi ho dovuto scegliere che università fare e ho intrapreso la carriera da ingegnere. Sono arrivata a Torino nel ’94 e dopo sette anni, mi sono spostata con mio marito tra Barcellona, Madrid e Malaga”. 

Ovunque andasse però ha conservato la passione per l’arte. “Facevo sempre dei corsi serali perché volevo continuare a imparare”

Nel 2012 il ritorno in Italia. “Mi occupavo di vendita di software. In qualche modo però sono sempre rimasta legata alla mia creatività. Quando siamo tornati, abbiamo scoperto il paese di Usseaux, ce ne siamo innamorati e così acquistato una seconda casa qui e due anni fa abbiamo sistemato la stalla. Una scelta azzeccata che oggi si è rivelata fondamentale per la mia nuova carriera”. 

E così dove una volta dormivano e si abbeveravano gli animali, ecco che poggiano acquerelli e quadri. I protagonisti variano molto, dagli animali alle strade di montagna, dai ritratti alle brumose atmosfere torinesi. 

Ma la pittrice di Rivoli, guarda già al futuro: “Sto lavorando per poter accedere a diversi bandi - continua Luisa -. Il mio sogno sarebbe aprire uno studio e poi una scuola. Sono convinta che l’arte faccia bene a tutti, soprattutto a coloro che affrontano momenti difficili. Dopo il licenziamento anche io ho passato una fase di crisi, ma la pittura mi ha aiutata a uscire dal malessere e a stare meglio”.

Chiara Gallo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium