/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 07 dicembre 2021, 12:04

Rincaro bollette, Confartigianato: "Con aumenti fino al 25% si spengono le piccole e medie imprese"

Felici: "Serve una riforma per riequilibrare gli oneri parafiscali che ci fanno spendere più delle grandi industrie e ridurre i costi"

Contatori dell'elettricità

Sono soprattutto le pmi artigiane a temere il rincaro in bolletta

Il rincaro delle bollette (che appare ormai imminente, oltre che inevitabile) spaventa anche le aziende. Soprattutto le piccole e medie del mondo artigiano, che più di altre devono fare quotidianamente attenzione a far quadrare i conti.

A rilanciare l'allarme è Giorgio Felici, presidente di Confartigianato Piemonte: "Qui si rischia di spegnere le pmi: già paghiamo il prezzo dell’energia più alto d’Europa, superiore del 33,5% rispetto alla media dei Paesi Ue e poi a noi piccole imprese l’elettricità costa 4 volte di più rispetto a una grande industria a causa dell’assurdo meccanismo ‘meno consumi, più paghi’ applicato agli oneri parafiscali in bolletta e che gonfia del 35% il costo finale dell’energia per le nostre piccole imprese”.

Da gennaio possibili aumenti dal 17 al 25%

A questo, poi, si aggiunge proprio il caro energia che - secondo me stime - potrebbe appesantire le bollette dal 17 al 25%. "Senza contare che in molti casi il conto dell’energia è così esoso che in questo frangente può anche capitare di non riuscire a pagarlo alla scadenza, così da rischiare il distacco della fornitura. Questo purtroppo è il risultato delle privatizzazioni di questi decenni”.

"Rivedere le agevolazioni in bolletta, non solo per chi consuma molto"

Che soluzione? "Serve una rapida e drastica revisione della struttura della bolletta per garantire una distribuzione più equa degli oneri generali di sistema tra le diverse categorie di utenti e legata all’effettivo consumo di energia - dice Felici -. Si tratta di ‘estrarre’, almeno parzialmente, dalla bolletta gli oneri generali di sistema, trasferendo alla fiscalità generale le componenti tariffarie destinate a finanziare le agevolazioni per gli energivori e il bonus sociale. Serve anche la revisione della disciplina delle agevolazioni alle imprese a forte consumo di energia, limitando i benefici alle sole aziende che abbiano effettivamente realizzato interventi di efficienza energetica. Serve anche rafforzare gli strumenti di accompagnamento delle Pmi nei processi di efficientamento e autoproduzione dell’energia”.

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium