/ Attualità

Attualità | 25 novembre 2021, 14:48

"Ragazzo mite e rispettoso", così la Corte d'Assise decise la revoca dei domiciliari per Alex Pompa

Ieri il ventenne di Collegno, che uccise il padre per salvare la mamma dalle continue violenze, è stato assolto

alex pompa

"Ragazzo mite e rispettoso", così la Corte d'Assise decise la revoca dei domiciliari per Alex Pompa

"Il dibattimento ha consentito di apprezzare la personalità dell'imputato, descritto da numerosi testimoni come un ragazzo serio, rispettoso, educato e mite". E' quanto scrisse il 22 ottobre scorso la Corte d'Assise di Torino - senza alcuna anticipazione di giudizio - a proposito di Alex Pompa, il ventenne che uccise il padre a coltellate, il 30 aprile 2020 a Collegno, per difendere la madre dall'ennesima aggressione. L'occasione fu l'ordinanza con cui revocò gli arresti domiciliari. Ieri per il giovane è arrivata la sentenza di assoluzione.

Il contesto in cui Alex viveva era di "maltrattamenti, tensioni pressoché costanti, comportamenti patologici, un perenne timore per l'incolumità della madre e della propria", aveva aggiunto la Corte nel motivare la revoca dei domiciliari. L'ex studente dell'alberghiero di Pinerolo è stato assolto 'perché il fatto non costituisce reato'.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium