/ Attualità

Attualità | 08 aprile 2021, 18:20

Il Piemonte spera nella zona arancione, Cirio: “Rt 0,9 e soglia sotto i 250 casi. Siamo fiduciosi”

L’Rt è sotto l’1 da oltre due settimane, mentre il valore soglia di allerta di 250 casi ogni 100.000 abitanti lo è solo da pochi giorni: si attende il chiarimento dell’interpretazione sulla regola

foto di repertorio

Il Piemonte spera nella zona arancione, Cirio: “Rt 0,9 e soglia sotto i 250 casi. Siamo fiduciosi”

C’è un Piemonte che spera nella zona arancione, già a partire dalla prossima settimana.

A rivelarlo è il presidente Alberto Cirio, sulla base dei dati del pre-report settimanale, che verrà validato domani dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità: “Il report deve essere validato entro domani dalla Cabina di regia nazionale, ma in base a questi parametri siamo fiduciosi che il Piemonte possa ritornare arancione già dalla prossima settimana”.

Situazione in progressivo miglioramento

I dati - afferma il Governatore - confermano un progressivo miglioramento della situazione epidemiologica in Piemonte”. Il valore Rt è infatti sceso ulteriormente sotto l’1, attestandosi a 0.9 per l’Rt puntuale e a 0.88 per l’Rt medio. Si riduce il numero di nuovi casi segnalati e anche il numero di focolai attivi o nuovi.

Migliora anche l’incidenza, che dopo settimane da incubo scende sotto il valore soglia di allerta di 250 casi ogni 100.000 abitanti. Ed è proprio questo il dubbio che dovrà essere chiarito nelle prossime ore: le due settimane di “validazione dei parametri” valgono solo per l’Rt (al di sotto da oltre 14 giorni) o anche per la soglia d’allerta di 250 casi ogni 100.000 piemontesi? A chiarirlo, entro la giornata di domani, dovrà essere lo stesso Ministero della Salute. Cirio, però, spera nella zona arancione già a da lunedì 12 aprile.

"Guai se viene meno la prudenza"

È fondamentale però che non venga meno la prudenza da parte di nessuno. Questi segni di miglioramento sono preziosi e vanno difesi con i nostri comportamenti. I vaccini, la prudenza e il rispetto delle regole sono le uniche vere armi per uscire da questa emergenza e poter finalmente ripartire” conclude Cirio.

La pressione ospedaliera infatti resta alta, ma in fase di stabilizzazione (59% l’occupazione dei posti di terapia intensiva e 67% l’occupazione dei posti letto ordinari). Il Piemonte balla tra l’arancione e il rosso: domani il responso ufficiale.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium