/ Cronaca

Cronaca | 27 marzo 2021, 12:16

Vanno ad arrestarla, lei si nasconde nel cassettone sotto il letto (ma non sfugge alle manette)

La donna ha finto di non essere in casa, coperta da un'amica che però non ha convinto gli agenti

Auto della polizia

La donna, ai domiciliari, era più volte evasa nei giorni precedenti

Ha cercato di sfuggire all'arresto fingendo di non essere in casa. Anzi, per maggiore sicurezza, si è addirittura nascosta nel cassettone sotto il letto. Ma tutto questo non è servito a sfuggire alle manette.

E' successo giovedì pomeriggio, agli agenti del Commissariato San Donato che dovevano notificarle un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a una donna di 43 anni, che a febbraio aveva tentato un furto in un bar a Rivoli. Hanno citofonato, ma a rispondere è stata un’amica, dicendo che la ricercata non era in casa. Ma l'imbarazzo e il comportamento sospetto della ragazza hanno insospettito gli agenti, che hanno approfondito la ricerca. E così hanno scoperto che la donna da arrestare era in casa, nascosta all’interno del vano contenitore del letto.

All'epoca dei fatti, la 43enne aveva fatto da palo, mentre il complice aveva sfondato con un tombino la vetrata del locale nel tentativo di portare via il registratore di cassa. I due, in quella circostanza, erano stati arrestati e la donna si trovava ai domiciliari. 

Qualche giorno fa, però, i poliziotti l'hanno trovata in corso Vercelli, dopo le 23 e in compagnia di un uomo, infrangendo dunque sia le restrizioni dei domiciliari che il coprifuoco. Nel pomeriggio della stessa giornata non era stata trovata in casa durante un controllo, così come due giorni prima. La donna è stata dunque arrestata per evasione. La sua amica è stata denunciata per favoreggiamento.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium