/ Sanità

Sanità | 22 novembre 2020, 09:55

La catena del freddo piemontese che "protegge" il vaccino anti-Covid: come funziona [VIDEO]

Il Piemonte si candida a un ruolo da protagonista nello stoccaggio, trasporto e somministrazione dei vaccini grazie a Casale Monferrato: "Arcuri si affidi a noi"

La catena del freddo piemontese che "protegge" il vaccino anti-Covid: come funziona [VIDEO]

 

Le prime dosi di vaccino anti Covid dovrebbero arrivare in Italia a gennaio. In quella che si preannuncia essere una sliding doors tanto importante quanto delicata nella lotta contro il Coronavirus, il Piemonte si candida a rivestire un ruolo di assoluto protagonista nella gestione del vaccino grazie alle competenze del “distretto del freddo di Casale Monferrato”.

Se infatti la fornitura di vaccini della Pfizer saranno i primi ad arrivare in Italia, è altrettanto vero che la conservazione a bassissime temperature rappresenta un ostacolo non da poco per le fasi di stoccaggio e di distribuzione. Da qui l’assunzione di responsabilità di chi da quasi un secolo ha a che fare ogni giorno con il freddo: “Casale ha iniziato 80 anni fa a lavorare nel freddo, producendo le prime celle frigorifere per la refrigerazione commerciale. Oggi ha un'esperienza e una tecnica unica a livello mondiale, con una decina di aziende leader del settore. La competenza deve essere messa a disposizione della nazione”, spiega Federico Ribolti, sindaco di Casale Monferrato. “Sentiamo la responsabilità? Si ma vogliamo essere i primi al mondo, ne abbiamo le capacità. Siamo certi di essere i principali interlocutori. Commissario Arcuri, si affidi a chi ha la competenza, accolga la nostra disponibilità” è l’appello rivolto dal primo cittadino a chi si occupa dell’emergenza in Italia.

Ma come funziona la catena del freddo? E come verrà gestito lo stoccaggio e la somministrazione del vaccino Pfizer? A spiegarlo è Marco Buoni, rappresentante imprese Casale per il Freddo: “Il vaccino parte dal sito produttivo, in genere abbiamo vaccini che vanno da - 80°, - 20° e + 4° e arrivano nei magazzini tramite gli aeroporti. Qui vengono stoccati, ma non è facile raggiungere i -80° come nel caso del vaccino Pfizer: sono richieste celle frigorifere e strutture di logistica adeguate”.

Casale Monferrato, oltre alle competenze sviluppate, si candida a diventare il centro nevralgico in Piemonte, e perché no in Italia, grazie alla posizione strategica nel Nord-Ovest del paese, trovandosi a 60 minuti di distanza da Torino Milano e Genova e poi viene portato nei centri di somministrazione.

Per salvaguardare il vaccino e la sua efficacia, oltre che sicurezza, è importante non spezzare mai la catena: "Non va mai rotta la catena del freddo, non bisogna mai cambiare la temperatura del vaccino: in questo caso specifico la temperatura va controllata sempre e questa è la nostra sfida. Se la temperatura viene rotta, il vaccino perde d’efficacia", racconta Buoni. "Il valore sociale ed economico di questo vaccino è molto alto e dobbiamo fare in modo che il trasporto sia sicuro", conclude il presidente europeo delle aziende del freddo.

E' certamente presto per sapere con certezza quali saranno i centri di somministrazione in Piemonte, ma secondo le indicazioni del commissario Arcuri, potrebbero essere un'ottantina.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium