/ Politica

Politica | 07 settembre 2020, 15:15

Linda Genre: "Alpignano merita più posti di lavoro e risorse grazie alla riqualificazione dell’area industriale con attrazione di multinazionali e imprese 4.0"

Un “modello Google” con ricadute sociali importanti nel polo industriale di via Grange Palmero e dintorni. No al consumo di suolo ma reindustrializzazione nella “Città della lampadina”

Linda Genre: "Alpignano merita più posti di lavoro e risorse grazie alla riqualificazione dell’area industriale con attrazione di multinazionali e imprese 4.0"

“Alpignano è la sede adatta a ospitare nuovi insediamenti industriali e investimenti come sta accadendo a Torino e dintorni in questi mesi: penso al centro dati che Google aprirà a Settimo Torinese e altre operazioni simili, a costo zero, ma a grande ricaduta sociale con nuovi posti di lavoro, oneri per il Comune e sfide per il futuro” spiega l’imprenditrice Linda Genre, odontoiatra e direttore sanitario, candidata sindaco ad Alpignano.

L’area più adatta individuata dalla squadra di Genre è il polo industriale presente nella zona Grange Palmero che prende nome dalla via che, insieme a via Enrico Fermi delimita l’area che storicamente ha visto lo sviluppo della Philips e della Pistone Borgo.

“L’area Grange Palmero è un’occasione da non perdere, rendendola la nostra Silicon Valley – commenta Genre – l’operazione non costa nulla e si apre alle nuove forme di commercio e all’industria 4.0. Come? Circa la metà dell’area è inutilizzata o a rischio abbandono e immagino di renderla produttiva senza ulteriore consumo di suolo. Attrarre nuovi investimenti è un dovere anche per la storia passata e recente di Alpignano che ha perso la sua identità ma è in grado di recuperarla con questa riconversione. In questi giorni Torino è diventata capitale dell’Intelligenza Artificiale ma i titoli non bastano, servono azioni concrete e possibilmente a costo zero e dalla resa importante”.

La viabilità è un tema centrale nella città delle Lampadine che riguarda anche l’area Grange Palmero: nuovi insediamenti porterebbero alla luce i problemi dei collegamenti attuali che vanno migliorati in un progetto che vada a completare anche la circonvallazione.

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium