/ Politica

Politica | 11 agosto 2020, 08:32

Il caso dei “furbetti” del bonus Covid crea imbarazzo in Regione

Il caso rischia di estendersi a macchia d’olio. Il primo a pagarne le conseguenze nell’immediato è il giovane consigliere regionale leghista saviglianese Matteo Gagliasso, a cui si aggiungerebbe Claudio Leone, ma dalla Lega qualcuno lascia intendere che si potrebbe arrivare a piani più alti se venissero resi noti i nomi di tutti coloro che ne hanno usufruito

Il consigliere regionale Matteo Gagliasso

Il consigliere regionale Matteo Gagliasso

Rischia di estendersi a macchia d’olio in Regione il “caso dei furbetti del bonus Covid” che, come Targato aveva evidenziato domenica sera, sta coinvolgendo i primi inquilini di Palazzo Lascaris.  Il primo a farne le spese – almeno in termini d’immagine – è il giovane padano Matteo Gagliasso, saviglianese, il quale già mesi fa era incorso in un’altra gaffe a proposito delle mascherine targate Lega. E già filtra un secondo nome: quello di Claudio Leone, consigliere originario del Canavese.

Gagliasso ha incassato il bonus su indicazione del suo commercialista, che poi ha restituito, ma non vuole rilasciare dichiarazioni. Il neo commissario provinciale cuneese del partito, il senatore Giorgio Maria Bergesio, non vuole rilasciare dichiarazioni, in attesa di conoscere gli sviluppi della vicenda in ambito parlamentare e regionale. 

Bergesio sa che la partita è delicatissima e, fresco dell’endorsement del segretario regionale e capogruppo a Montecitorio, Riccardo Molinari, non vuole farsi trascinare in querelle pericolose.   Se a Gagliasso – secondo i compagni di partito - può essere concessa, per la seconda volta, l’attenuante generica della giovane età, resta comunque il fatto che la Lega non ci sta a farsi processare in piazza e meno che mai ad essere il solo capro espiatorio.  A questo punto sembra che gli stessi maggiorenti del partito, in attesa di più chiare indicazioni del segretario Matteo Salvini, sarebbero propensi a che vengano resi noti i nomi di tutti coloro che a Palazzo Lascaris hanno percepito il bonus. 

Una situazione che sta creando imbarazzo nelle fila della maggioranza dove si sussurra che - se la vicenda non si arenerà - a rimetterci la faccia, potrebbe essere qualcuno di ben più importante del giovane ingenuo consigliere regionale saviglianese.  Siamo alle....schermaglie procedurali, anche se di penalmente rilevante – è bene e corretto ribadirlo – non c’è alcunchè.  Ma in politica, di questi tempi, esempio e sobrietà non sono quisquilie.

"Ho già provveduto allo storno delle cifre all'Inps restituendo i due bonus": ha invece raccontato all'Ansa Claudio Leone, consigliere regionale del Piemonte, eletto lo scorso anno per la prima volta nella Lega. "I contributi erano destinati alle società di cui faccio parte per il periodo di chiusura dei negozi - spiega -. Sentito il commercialista, entrambe rientravano nelle attività alle quali spettavano gli aiuti. Ne ho parlato con i soci e abbiamo deciso di chiedere il bonus. L'ho fatto a cuor leggero forse, certo che fosse consentito. La politica non c'entra nulla".

 

Gpt

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium