/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 30 luglio 2020, 07:25

Lavorare con la luce: alla scoperta del light designer

Essere in grado di lavorare con la luce, manipolarla a proprio piacimento per regalare un'emozione specifica non è così semplice come ci si può pensare.

Lavorare con la luce: alla scoperta del light designer

Essere in grado di lavorare con la luce, manipolarla a proprio piacimento per regalare un'emozione specifica non è così semplice come ci si può pensare. Infatti, bisogna avere prima alcune competenze per potersi chiamare un light designer a tutti gli effetti e queste di certo non possono essere raggiunte senza studio e esperienza professionale.

La professione del light designer sta trovando sempre più spazio in diversi campi, partendo dal teatro fino ad arrivare all’allestimento di eventi privati. Diventare un light designer non significa solo essere un tecnico per le luci, come molti pensano, bensì una persona in grado di unire perfettamente le conoscenze tecniche su illuminotecnica, elettronica e illuminazione come un'unica componente artistica. Solamente così si può esprimere perfettamente un'emozione utilizzando la luce come una vera forma d’arte.

Ambiti operativi del light designer

Un light designer, grazie all'utilizzo di software specifici, è in grado di manipolare la luce presente in uno spazio stabilito. Inoltre, è in grado di alterarne l'intensità, cambiarne il colore e il fascio luminoso per trasmettere un'emozione in linea con quello che sta succedendo su un palco scenico. Nel settore residenziale o commerciale, invece, si punta ad arricchire gli ambienti per dare vita a un tema luminoso specifico e in linea con il business. Per questo motivo, ultimamente, anche architetti o interior designer collaborano sempre di più con questa figura professionale.

Le competenze di questo professionista si espandono anche nel campo fisico e per questo è in grado di utilizzare al meglio le caratteristiche fotometriche della luce. Inoltre, riesce a comprendere perfettamente l’influenza che la luce può avere, dove e come installarla per ottenere il massimo dallo spazio che circonda. Quindi, se si è alla ricerca di un professionista per l’illuminazione di uno spazio specifico, oppure si cerca di diventare un light designer, si deve capire che le parole non servono ma il lavoro parla da sé. Per essere un vero professionista del settore si devono avere conoscenze di design, fisica, ottica, calorimetria, codici e ottica.

Bisogna anche creare relazioni con aziende e fornitori per avere un approccio sempre aggiornato sugli ultimi prodotti e tecnologie e mantenere collaborazioni continue. Come in ogni altro settore, è importante trovare un fornitore fidato e disponibile in grado di aiutare un progettista della luce a creare prodotti customizzati e personalizzati. Molti professionisti, nel tempo, si sono avvicinati agli esperti italiani di illuminotecnica presenti su www.luceled.com.

Come identificare un vero light designer

Identificare un vero professionista in questo settore non è così semplice come si può pensare. Quando se ne contatta uno, infatti, è bene chiedere da subito che mostri lavori precedentemente effettuati, di modo da intuire da subito lo stile che adotta e capire che cosa sa effettivamente fare. Oggi sul territorio sono diffuse molte associazioni di categoria che raccolgono i migliori light designer, garantendo professionalità e idoneità. Essendo una professione relativamente nuova e poco conosciuta in Italia, non sono molti i veri professionisti preparati in questo settore. Tuttavia, in prospettiva, questa sarà una delle professioni più richieste nel futuro, dato che già oggi si intravede una grande richiesta di seri professionisti e esperti di illuminazione.

Prima di tutto, un professionista in questo settore deve essere assolutamente in grado di offrire una reale soluzione, sapendo interagire con un ambiente e regalando un'atmosfera in linea con le esigenze dei clienti. Quanto a criteri e conoscenze specifiche, il professionista deve essere in grado di osservare attentamente l’ambiente (volumi, spazio, superfici), individuare gli obbiettivi, valutare gli impianti e offrire una soluzione definitiva definendo i requisiti.

Come diventare un light designer

Detto ciò, per diventare un light designer esistono vari corsi specializzati da seguire. La capacità principale di un progettista luce è quella di evidenziare il soggetto illuminato, nascondendo lo strumento usato. Per riuscire in tutto ciò, bisogna studiare e avere profonde conoscenze in diverse materie come illuminotecnica, elettronica, fisica della luce, architettura.

Bisogna cimentarsi in settori come il linguaggio e il design della luce, teoria e tecnologia del light designing e sapere come applicare queste conoscenze nel campo dell’architettura. Si devono acquisire competenze sulla teoria stessa del colore, dei tipi di illuminazione e direzionamento della luce, cosi come si deve sempre restare aggiornati su nuove tecnologie LED e materiali innovativi. Infine, si necessita di una profonda conoscenza dei vari software di settore, come CAD per l’illuminazione e non solo. Diventa dunque indispensabile un corso di specializzazione in light designing per acquisire tutte le competenze tecniche necessarie.

Richy Garino

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium