/ Economia e lavoro

Che tempo fa

Cerca nel web

Economia e lavoro | 27 luglio 2020, 17:06

Manitalidea spa, Costanzo (M5S): "Avviata la procedura di amministrazione straordinaria"

Il Governo ha fatto il punto dopo l'interrogazione di cui l'esponente grillina era prima firmataria

Manitalidea spa, Costanzo (M5S): "Avviata la procedura di amministrazione straordinaria"

"Il Governo ci ha comunicato l'avvio della procedura di amministrazione straordinaria nei confronti di Manitalidea spa a seguito della dichiarazione dello stato di insolvenza da parte del Tribunale di Torino il 4 febbraio scorso". Così Jessica Costanzo, deputata M5S e prima firmataria dell'interrogazione al Mise su Manitalidea spa a cui il Governo ha dato risposta.

"Per quanto riguarda quest'ultima - prosegue Costanzo - il quadro scoperto dal Tribunale è come sospettavamo sconcertante: erogazione dei pagamenti ai lavoratori e contabilità generale ferme al 30 settembre 2019, due sole unità operative rimaste (il direttore amministrativo e il responsabile della contabilità),  indisponibilità di tutti i conti correnti bancari oggetto di pignoramento da parte di oltre 100 creditori".  

"I Commissari hanno agito subito per aggiornare la contabilità generale e liberare, con grandi difficoltà, i conti correnti dai pignoramenti - aggiunge l'esponente grillina -. Sono poi stati organizzati incontri con i clienti per migliorare la qualità dei servizi ed evitare, soprattutto, le rescissioni contrattuali. Va detto che i dipendenti di Manitalidea a partire dal 4 febbraio 2020, ricevono regolarmente lo stipendio nonché le spettanze dovute, mentre per il pregresso, trattandosi di credito concorsuale, si dovrà attendere un po' di lo stato passivo, la cui prima udienza di verifica si è tenuta il 9 luglio 2020".

"Va poi chiarito - specifica Costanzo - che la procedura straordinaria ha riguardato solo Manitalidea SPA e non anche il Consorzio Manital, comunque controllato dalla prima per il 93 per cento. Questo purtroppo significa che i Commissari non dispongono attualmente di un alcun potere di gestione del Consorzio, ma solo di Manitalidea Spa. Il Consorzio è purtroppo una questione a parte, distinta da Manitalidea, e però di grande rilievo visto il suo peso in una serie di servizi erogati in tutt'Italia e fondamentali in epoca Covid (pulizie nelle scuole e in vari enti pubblici, ad esempio). Il problema è che dipendendo il consorzio da Manitalidea spa, le difficoltà finanziarie di quest'ultima si sono ripercosse sul Consorzio:  dall'insolvenza della controllante Manitalidea si è avuta a cascata l'insolvenza del consorzio, che a sua volta non ha quindi più regolarmente pagato i diversi consorziati coinvolti nelle attività produttive, i quali non hanno più potuto pagare le maestranze".

"In ogni caso - chiarisce Costanzo - i Commissari hanno agito con tutte le loro prerogative e  dei risultati si sono ottenuti: Manitalidea ha provveduto innanzitutto a pagare le spettanze correnti ai consorziati, salvaguardandone l'operatività e scongiurandone il fallimento, e si è ottenuta la rimozione del consiglio di amministrazione in carica. E' stato anche ristabilito un dialogo con importanti committenze (quali le scuole della Campania) per assicurare il riavvio delle attività ad oggi sospese. Infine, ottenendo provvedimento di sospensiva, si è  impugnato il procedimento di esclusione da importanti gare Consip («Caserme», «Beni Culturali» e «Sanità»).

"Ora - conclude Costanzo - il MiSE ha garantito che nell'ambito dei propri poteri di vigilanza e adottando ogni iniziativa di competenza, continuerà a monitorare la situazione al fine di rassicurare i lavoratori e mantenere i livelli occupazionali".

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium