/ Attualità

Attualità | 30 giugno 2020, 12:00

Juve, c'è il Genoa per continuare la corsa scudetto. Sarri: "A Marassi è difficile per tutti"

A poche ore dall'ufficializzazione dello scambio Pjanic-Arthur e dei rinnovi di Buffon e Chiellini, Signora attesa sul campo del Grifone. I bianconeri arriveranno in aereo per sfuggire ai rischi del traffico, dopo le polemiche sulle autostrade liguri dei giorni scorsi

Juve, c'è il Genoa per continuare la corsa scudetto. Sarri: "A Marassi è difficile per tutti"

Battere il Genoa per mantenere quantomeno invariato il distacco dalla Lazio: è con questo obiettivo che la Juventus scenderà in campo questa sera (ore 21.45, arbitro Gianpaolo Calvarese di Teramo) sul campo del Genoa nel match valido per la 29esima giornata del campionato di Serie A.

A Genova i bianconeri torneranno in campo dopo il successo casalingo per 4-0 sul Lecce, ma soprattutto dopo l'ufficializzazione del primo colpo di mercato in vista della prossima stagione: lo scambio Pjanic-Arthur con il Barcellona. La trattativa che riguarda il centrocampo della Vecchia Signora non è però l'unica novità alla vigilia della trasferta ligure, sono infatti stati comunicati anche i rinnovi contrattuali per un ulteriore anno di Buffon e Chiellini. Anche di tutto ciò ha parlato Maurizio Sarri nella conferenza stampa di ieri: "Gigi (Buffon, ndr) avrà 48 partite per fare il record di presenze in A - il pensiero del tecnico juventino - ma le farà tranquillamente in questa stagione. Su Pjanic non ho alcun dubbio: va in una grande squadra, è un ragazzo intelligente e darà il 101% fino all’ultimo giorno. È presto anche per parlare di Arthur, deve concentrarsi su altro, ma lo studieremo a fondo da qui a fine stagione".

Nel frattempo proprio Pjanic ha voluto dedicare un messaggio via social (con tanto di video) ai tifosi del club che lascerà a fine stagione: "Sono arrivato quattro anni fa per provare a vincere tutto - si legge nel lungo post del bosniaco che non ha mancato di ringraziare la società torinese - Perché anche quando non ci riesci, questo è ciò che deve provare a fare sempre un calciatore della Juventus. Sono stati 4 anni intensi, vissuti al fianco di grandi professionisti ma soprattutto di amici veri, con i quali ho condiviso vittorie e record, ma anche amare sconfitte ad un passo dal traguardo. Sono stati anni in cui sono maturato come uomo e come padre. Ora però abbiamo poco tempo da perdere e molto da andare a vincere fino al termine delle stagione".

Ma in attesa del futuro, il presente chiama i campioni d'Italia alla concentrazione massima in vista di una gara che vedrà gli avversari alla ricerca disperata di punti salvezza: "Giocare a Marassi è difficile per tutti - ha ammesso Sarri - dobbiamo essere consapevoli della complessità del match ma non ho dubbi sul fatto che i miei lo siano. E poi il fattore campo esiste ancora, anche se meno di prima".

"Turnover? Possiamo concederci massimo uno o due cambi, ora bisogna trovare solo la condizione: non possiamo neanche parlare di allenamenti, ma solo di un lavoro di scarico e preparazione della partita successiva. E poi bisogna stare attenti alle cinque sostituzioni: come tutte le cose nuove sono a rischio 'cazzate'".

Saranno dunque con molta probabilità ancora Dybala e Ronaldo a guidare l'attacco in terra ligure, in attesa dei continui miglioramenti di Higuain: "Sta meglio, questo è una certezza - ha fatto sapere l'allenatore della Juve a proposito del Pipita - mentre sul minutaggio più elevato ho più incertezza".

Per il resto si va quindi verso una conferma delle certezze che hanno consentito di ottenere sei punti nelle prime due uscite dopo la ripresa del campionato con in panchina qualche volto della Juventus Under 23 che sabato scorso ha vinto la Coppa Italia di Serie C. Sul neutro di Cesena i giovani bianconeri hanno
superato per 2-1 la Ternana: in gol Brunori e Rafia.

Dopo le polemiche dei giorni scorsi sulla situazione delle autostrade della Liguria, la Juventus impegnata questa sera allo stadio Ferraris sceglie l’aereo per raggiungere Genova. Dunque niente autostrada, niente pullman, troppo rischioso e così la formazione bianconera sceglie di imbarcarsi a Torino Caselle e atterrare al Cristoforo Colombo di Genova pur di non restare bloccata nel traffico autostradale ligure, divenuto ormai caso nazionale.

Roberto Vassallo

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium