Politica - 08 maggio 2020, 14:41

Da Collegno una Ri-evoluzione della mobilità

Il sindaco Casciano ha inviato una lettera al presidente Cirio, agli assessori Icardi e Gabusi e alla sindaca Appendino: "Il tempo è poco e il momento è adesso"

Da Collegno una Ri-evoluzione della mobilità

Pensare alla Fase 2 anche in un'altra ottica: quella dell'ambiente. Il lockdown ha infatti portato a una riduzione dell'inquinamento e ora, che l'Italia è ripartita, c'è chi riflette anche sui paradigmi di mobilità negli ambiti urbani e sull'intero territorio. Ed è il sindaco di Collegno Francesco Casciano che ha deciso di scrivere al presidente della Regione Alberto Cirio, all'assessore Luigi Genesio Icardi e all'assessore Marco Gabusi e, per conoscenza, all sindaca Chiara Appendino per parlare di un piano condiviso urgente per una mobilità alternativa all'auto.

"Una mobilità fondata sugli spostamenti a ridotto impatto ambientale è cruciale perché ci consente di rafforzare le strategie contro il contagio e al contempo può condurre a nuove opportunità di crescita per la nostra Regione e di valorizzazione e salvaguardia del commercio locale, tra i più penalizzati da quest'emergenza - ha scritto il primo cittadino di Collegno -. Per attuare quella che chiamiamo Ri-evoluzione i nostri territorio devono collaborare in sinergia e ragionare come area vasta e metropolitana, abbandonando la convinzione miope che i nostri confini servano a qualcosa".

Un Ri-evoluzione, dunque, che si basa su alcuni obiettivi: ridurre l'uso dell'auto privata, ottenere una deroga ministeriale sulle infrastrutture ciclabili leggere, finanziare queste infrastrutture e una cabina di regia regionale e metropolitana per attuare delle misure nazionali. Una evoluzione ciclabile anche per i circa 250mila cittadini della zona ovest che quotidianamente utilizzano le due ruote per i propri spostamenti quotidiani.

"È fondamentale avviare un confronto costruttivo con la Regione Piemonte: riprendiamo le attività economiche e lavorative, ma al contempo salvaguardiamo la salute e il benessere delle persone - ha proseguito nella sua lettera il sindaco Casciano -. Il tempo è poco e il momento è adesso. Il nostro messaggio di Ri-evoluzione crediamo debba essere portato presso le istituzioni nazionali, affinché queste accolgano l'istanza di risorse economiche per ripensare e attuare una nuova rete di trasporto leggera incentivando i cittadini ad utilizzarla nel rispetto delle misure di distanziamento sociale, della salute e del benessere della collettività".

Diana Tassone

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU