/ Cronaca

Cronaca | 01 maggio 2020, 16:26

Collegno e Grugliasco, i sindaci omaggiano i 68 martiri per la Libertà

I primi cittadini di Collegno e Grugliasco hanno omaggiato i caduti del 30 aprile 1945

Collegno e Grugliasco, i sindaci omaggiano i 68 martiri per la Libertà

Una celebrazione che, per la prima volta, si svolge in solitudine, nel più totale silenzio.

Un momento delicato, in cui la città di Collegno e Grugliasco hanno deciso di non rinunciare a ricordare la propria storia. Accompagnati virtualmente e simbolicamente dai propri cittadini, il sindaco di Collegno Francesco Casciano e il sindaco di Grugliasco Roberto Montà hanno omaggiato i 68 martiri per la libertà, uccisi il 30 aprile del 1945.

"75° anniversario dell'eccidio di Collegno e Grugliasco. Per la prima volta in 75 anni siamo qui senza la presenza del popolo - ha dichiarato il sindaco Francesco Casciano - Queste due città hanno fatto di questo sacrificio il motivo di essere aderenti agli ideali della resistenza. Due città di pace, libere e con attenzione alla giustizia sociale e all'equità delle persone. Onore ai martiri del 30 aprile".

Di fronte ai monumenti realizzati per ricordare il sacrificio di questi giovani, i due primi cittadini si sono ritrovati per non rinunciare a mantenere viva la loro memoria, pronunciando il nome di ognuno dei 68 martiri. "Oggi come 75 anni fa ci stringiamo ai familiari delle vittime. L'eccidio dei 68 martiri ha segnato per sempre le nostre città, che hanno imparato da quella vicenda a costruire grandi anticorpi fondati sulla giustizia, libertà e rispetto per le istituzioni", ha sostenuto il sindaco Roberto Montà.

"Credo che questo patrimonio, oggi come allora, vada preservato, e che alla memoria delle vittime innocenti della ferocia nazifascista debba accompagnarsi alla voglia di essere all'altezza  della loro eredità".

Diana Tassone

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium