/ Sanità

Sanità | 02 marzo 2020, 11:03

Coronavirus, i positivi al tampone salgono a 51. E Cirio allerta i sanitari in pensione: "Pronti in caso di emergenza"

Il presidente della Regione Piemonte ha fatto predisporre un elenco dei lavoratori andati in pensione negli ultimi anni. Intanto si riscontra un nuovo caso di positività al test: 51 in totale, ma solo uno per ora confermato dall'istituto superiore della Sanità

Coronavirus, i positivi al tampone salgono a 51. E Cirio allerta i sanitari in pensione: "Pronti in caso di emergenza"

Richiamare i medici in pensione. E’ questa una delle ipotesi tenute in considerazione da Alberto Cirio per fronteggiare una potenziale emergenza Coronavirus. La misura è già stata annunciata in Lombardia, dove la situazione è certamente più critica, e potrebbe essere adottata anche in Piemonte nel caso la situazione precipitasse. 

Ad ammetterlo è lo stesso governatore, a margine della conferenza stampa successiva all’emanazione del nuovo decreto ministeriale che, di fatto, “libera” il Piemonte dalle misure emergenziali: “Dobbiamo essere pronti a gestire un'eventuale emergenza sanitaria” “Per questo motivo - ha poi concluso Cirio - ho fatto predisporre un elenco di tutti i lavoratori in ambito sanitario che negli ultimi anni sono andati in pensione”.

Non positivo il commento del sindacato Nursing up. "Non devono richiamare in servizio i pensionati, ma offrire un piano di assunzioni straordinarie", dice Claudio Delli Carri, segretario regionale per il Piemonte e la Valle d'Aosta.

Le Asl territoriali hanno comunicato a medici, infermieri e al personale sanitario il "congelamento" delle ferie: un segnale inequivocabile di come la tensione rimanga alta.

Intanto, alle ore 10 di stamattina, 2 marzo, è stato aggiornato il bollettino dei malati in Piemonte: i casi risultati positivi al coronavirus “COVID19” sono saliti a 51: 37 ad Asti, 3 a Novara, 6 a Torino, 1 a Vercelli e 4 nel Vco. Di questi, 12 sono ricoverati in ospedale: 6 ad Asti, 3 a Novara e 3 all’Amedeo di Savoia di Torino. Altri 2 pazienti sono ricoverati in terapia intensiva: 1 ad Asti e uno a Vercelli. Sono invece 37 le persone in isolamento fiduciario domiciliare.

Finora sono 375 i tamponi eseguiti in Piemonte, 307 dei quali risultati negativi. Sono in corso di verifica 12 casi. Dall’Istituto superiore di sanità è stato al momento confermato un solo caso, sui 51 complessivi. Per gli altri si attende ancora il responso dello stesso istituto.

 

 

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium