/ Attualità

Attualità | 26 marzo 2020, 18:11

Coronavirus, Coldiretti: "No a speculazioni su comparto suinicolo piemontese”

"Assurdo in questo momento che alcune industrie continuino ad importare dall’estero cosce di suini per i prosciutti"

Coronavirus, Coldiretti: "No a speculazioni su comparto suinicolo piemontese”

“In questo difficile momento il comparto suinicolo piemontese non deve essere mira di speculazioni – affermano Roberto Moncalvo Presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa Delegato Confederale -. Purtroppo abbiamo notizia che alcuni macelli stanno paventando, attraverso inopportune telefonate, un abbassamento dei prezzi ai nostri allevatori quando continuiamo ad assistere a boom di spesa alimentare nei supermercati e nei negozi tra cui anche di carne e salumi”.

La filiera suinicola piemontese conta circa 3 mila aziende, un fatturato di quasi 400 milioni di euro e 1 milione e 200 mila capi destinati, soprattutto, ai circuiti tutelati delle principali Dop italiane per la preparazione della miglior salumeria nazionale. 

Moncalvo e Rivarossa concludono così: “Si tratta di correttezza e trasparenza nei confronti dei nostri allevatori che stanno continuando a garantire, nonostante le difficoltà, la produzione e per questo non esitiamo a denunciare le speculazioni e le storture che stanno emergendo a sostegno delle imprese che, insieme alle loro famiglie, stanno vivendo una fase storica così drammatica. Tutto questo a tutela del #MangiaItaliano che, mai come ora, va messo in pratica con atti concreti, come quelli che la nostra Organizzazione sta chiedendo alla GDO. E’ assurdo, invece, che, in questo momento, alcune industrie continuino ad importare dall’estero, soprattutto, cosce di suini per la preparazione di prosciutti e, contemporaneamente, in modo del tutto strumentale annuncino un abbassamento dei prezzi riconosciuti ai nostri allevatori”.

La Coldiretti ha allertato tutta la rete organizzativa a livello nazionale per monitorare le speculazioni attivando una casella di posta sos.speculatoricoronavirus@coldiretti.it dove raccogliere le segnalazioni sulla base delle quali agire a livello giudiziario, se non verranno fornite adeguate motivazioni.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium