/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 27 febbraio 2020, 14:40

Confartigianato Piemonte a Cirio: “Le nostre imprese vittime del nuovo virus: si eliminino o allentino le restrizioni”

Il presidente Felici: "La Regione non si dimentichi degli artigiani e delle micro e piccole imprese"

Confartigianato Piemonte a Cirio: “Le nostre imprese vittime del nuovo virus: si eliminino o allentino le restrizioni”

Si rinforza il coro delle parti economiche che chiedono interventi speciali per contrastare le difficoltà del Coronavirus. Anche Confartigianato Piemonte torna a ribadire le difficoltà vissute dalle aziende e lo fa rivolgendosi direttamente al governatore Alberto Cirio.

“Presidente Cirio, non si dimentichi degli artigiani e delle micro e piccole imprese: bene la richiesta al Governo dello stato di crisi ma servono misure straordinarie di sostegno non solo per turismo e commercio bensì anche per il comparto dell’artigianato che rischia di non risollevarsi più dopo questa ennesima batosta”, dichiara Giorgio Felici, presidente di Confartigianato Imprese Piemonte.

"Presto avremo un bilancio preciso delle gravi conseguenze dell’emergenza Coronavirus sulle nostre imprese – prosegue Felici – alcune nostre attività, in particolare quelle che si svolgono a stretto contatto con le persone, come quelle di estetica ed acconciatura, stanno registrando un calo superiore al 50% del fatturato. Per l’autotrasporto, settore già duramente provato, è ancora peggio: qui registriamo un calo del 70%, legato al fatto che molti autotrasportatori lavorano con la Lombardia e quindi sono bloccati. Inoltre le imprese della subfornitura che hanno rapporti commerciali con la Cina non riescono più ad avere approvvigionamenti, con il conseguente calo della produzione ed il ricorso alla sospensione dall’attività lavorativa. Siamo consapevoli che la salute pubblica rappresenta la priorità ma anche le nostre imprese sono vittima del Coronavirus e necessitano di aiuto. Non abbiamo la pretesa di giudicare nel merito le misure emergenziali adottate ma non vogliamo pagarne il prezzo”.

M.Sci

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium