/ Politica

Politica | 05 febbraio 2020, 18:20

Doppi incarichi a Collegno, Garruto vicepresidente di Ali Piemonte

Il sindaco Casciano si occuperà del coordinamento a livello nazionale dei temi legati alla mobilità sostenibile e della ciclabilità

Doppi incarichi a Collegno, Garruto vicepresidente di Ali Piemonte

Cambio della guardia ai vertici regionali di Ali Autonomie Locali Italiane, l'associazione degli enti locali fondata nel 1916 da Giacomo Matteotti, tra i due comuni più virtuosi ed efficienti del Piemonte. A prendere il posto di Francesco Casciano, sindaco di Collegno, è infatti Federico Borgna, primo cittadino di Cuneo.
"La scelta di Federico Borgna - ha commentato Casciano - è una garanzia di progresso e innovazione per le sue capacità politiche e come segno di congiunzione tra il torinese e le altre province".

Un cambio di testimone che porta con sé un nuovo incarico per Francesco Casciano, che si occuperà del coordinamento a livello nazionale dei temi legati alla mobilità sostenibile e della ciclabilità. Una soddisfazione in più per Collegno, che si somma anche all'elezione di Antonio Garruto, vicesindaco della città, e ora nuovo vicepresidente di Ali Piemonte.
“Il “fare gentile “ che è il titolo congresso regionale del Piemonte ma anche del prossimo congresso nazionale Ali, rappresenta in modo perfetto il lavoro che gli amministratori locali sono chiamati a svolgere nel fornire risposte concrete ai problemi dei cittadini - ha dichiarato Antonio Garruto -. Nel fare , si sperimenta la capacità di essere riformisti , di innovare e costruire azioni concrete sui temi locali , per semplificare e sbloccare gli investimenti sostenendo un modello di  sviluppo green  che rappresenti una leva fondamentale per la crescita del nostro paese.
Su questi temi c’è bisogno di luoghi di elaborazione e confronto che possono trovare in ALI Piemonte che è un Associazione di Comuni, Province, Regioni, Unioni Montane, Consorzi ed ogni altra forma di articolazione degli Enti Locali uno strumento concreto che ha come obiettivo la crescita del sistema delle Autonomie Locali. Al lavoro quindi con “fare gentile””.


Diana Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium