/ Politica

Politica | 21 gennaio 2020, 15:47

Regione Piemonte, partita la gara d'acquisto protesi per sordociechi

Ad annunciarlo l'assessore alla Sanità Luigi Icardi, rispondendo all'interrogazione del capogruppo dei Moderati Silvio Magliano

Regione Piemonte, partita la gara d'acquisto protesi per sordociechi

“La Regione Piemonte ha attivato Scr (Società di Committenza Regionale), per procedere alla gara d’acquisto delle protesi acustiche digitali per sordociechi”.

È questa la risposta fornita dall’assessore alla Sanità Luigi Icardi all’interrogazione presentata dal consigliere regionale Silvio Magliano (Moderati) che chiedeva di conoscere quali fossero gli sviluppi conseguiti rispetto alle decisioni governative assunte nel 2017. Magliano si è detto soddisfatto della risposta dell’assessore e ha sottolineato trattarsi di una “innovazione tecnologica che permette di poter intervenire fin da piccoli”.

A seguito delle decisioni nazionali, è stato costituito un nucleo tecnico, formato dai maggiori esperti regionali, che sta lavorando da oltre un anno e ha già provveduto alla pubblicazione della gara relativa alle protesi impiantabili.

La gara è indirizzata verso protesi acustiche per l’orecchio medio ed esterno mentre i relativi lotti sono in grado di offrire la migliore tecnologia attualmente presente sul mercato. La fascia infantile è tutelata da lotti specifici ad essa dedicati.

L’iniziativa ha destato interesse nazionale, tanto da arrivare a ricevere lettere di adesione da parte delle Regioni Toscana, Lazio, Puglia e manifestazione di interesse dalla Sardegna. Fino all’espletamento della gara le prestazioni sono garantite attraverso il contributo regionale previsto per l’acquisto di protesi digitali destinate a bambini infra quattordicenni.

Durante la sessione dedicata alle interrogazioni ed interpellanze è stata data risposta ai quesiti posti da Silvio Magliano (Moderati) sul fondo regionale disabili e sul riconoscimento della sindrome da sensibilità chimica multipla e Domenico Rossi (Pd) sulla gestione dei proventi delle sanzioni comminate alle Asl quali organi di vigilanza in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium