/ Eventi

Eventi | 04 dicembre 2019, 17:26

A Collegno luminarie d’artista per regalare a tutti l'atmosfera delle Feste

Il 1 dicembre in città si sono accese le luci natalizie

A Collegno luminarie d’artista per regalare a tutti l'atmosfera delle Feste

Collegno si illumina a festa per prepararsi al Natale. Le luminarie, accese il 1 dicembre, hanno dato ufficialmente il via alle festività natalizie in città, portando con sé diverse novità, come l’ampliamento delle zone che i cittadini potranno trovare addobbate con le luci. “Quest’anno abbiamo voluto potenziare il progetto Luminarie di Natale curato da Confesercenti con il contributo dei commercianti collegnesi – ha affermato l’assessore Enrico Manfredi -, aumentando le risorse comunali e ampliando le aree, come la zona Fermi, anche grazie al contributo del centro commerciale Piazza Paradiso”.

Il centro storico della città, però, ospita un'altra novità, poiché è stato addobbato da una luminaria Made in Collegno. “L’altra novità di rilievo è la scelta di investire su una luminaria realizzata da una giovane artista collegnese, Irene Bo Milone, che rimarrà di proprietà della città e che potrà essere utilizzata in diverse occasioni”.

L’opera “Il Centro Storico” si inserisce così all’interno del luogo che la ospita, divenendo un oggetto identificativo della città. “Nel realizzare l’opera ho cercato in primo luogo di creare un segno distintivo che definisse il Centro Storico – ha dichiarato Irene Bo Milone -. La linea luminosa riprende quello che è il profilo architettonico del quartiere, andando a creare un vero e proprio portale. Questo simbolo accompagna il visitatore lungo le vie, sottolineando i luoghi di interesse in cui sono poste le bacheche informative”.

 “Collegno conferma la sua vocazione di laboratorio di arte pubblica urbana, dal progetto dei grandi murales urbani, finanziati col Progetto Periferie, fino alla prima luminaria d’artista – ha commentato il sindaco Francesco Casciano -. L’installazione dell’opera Il Centro Storico prosegue un lavoro complessivo di caratterizzazione dei luoghi della città, come per i portali del Viale XXIV Maggio e del Parco della Dora”.

Diana Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium