/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 24 novembre 2019, 07:00

Alluvione, riflettori puntati su fiumi e laghi: la Regione raddoppia i fondi da 1,3 a 2,7 milioni per il 2020

Marnati: "Puntiamo sulla prevenzione del rischio idrogeologico". Per il 2019 finanziati 14 progetti, tra cui Chivasso, Druento, Avigliana e Po torinese

Alluvione, riflettori puntati su fiumi e laghi: la Regione raddoppia i fondi da 1,3 a 2,7 milioni per il 2020

In giorni di enorme tensione per quanto riguarda il maltempo, i livelli dei corsi d'acqua e il rischio-alluvioni in Italia, il Piemonte mette sotto i riflettori proprio i fiumi e i laghi. E sei secondi, in provincia di Torino, non sono così di primo piano, sui torrenti e simili invece c'è molto da fare.

Ecco perché l’assessorato all’Ambiente, guidato da Matteo Marnati, ha deciso di raddoppiare i fondi per la riqualificazione di queste aree, premiando 14 progetti e aumentando le risorse per il fututo: dagli 1,3 milioni stanziati nel 2018 si è passati a 2,4 del 2019 a cui si aggiungono 2,7 milioni programmati per il 2020 con un bando che nei prossimi giorni sarà pubblicato sul Bollettino Regionale. "Di fatto raddoppiamo le risorse – spiega l'esponente della giunta Cirio –  per le sponde di torrenti, fiumi e laghi e per la prevenzione del rischio idrogeologico".

Tra gli interventi previsti all'interno della cerchia per cui la Regione potrà destinare risorse ci sono la gestione della vegetazione fluviale di tipo conservativo, ri-vegetazione, rimboschimento, taglio di alberi che creano rischi, apertura di vecchi rami di fiumi da riattivare in caso di piena e individuazione di “aree di laminazione”, dove la piena stessa possa sfogarsi fuori dai centri abitati. In tutto sono 13 i progetti nella graduatoria del bando per la riqualificazione dei corpi idrici 2019, approvati dalla Regione. "L'obiettivo - dice Marnati - è aumentare la capacità di fiumi e laghi di resistere alle precipitazioni eccessive che spesso sfociano nelle esondazioni. Un mix tra riqualificazione estetica e di prevenzione".

A fronte di una richiesta di fondi alla Regione per circa 2.380.000 euro è stato fornito un ulteriore contributo ai beneficiari per un ammontare di quasi 215.000 euro. E da piazza Castello si è ritenuto di rinnovare per il terzo anno consecutivo la pubblicazione del bando pubblico per la riqualificazione dei corpi idrici assegnando risorse per un importo di 2.710.000, in considerazione della positiva risposta che gli enti locali hanno dato nel corso delle precedenti edizioni.

Per quanto riguarda il 2019, ricadono sul territorio torinese i progetti del Comune Druento (135.620 euro), dell'Ente di gestione aree protette del Po torinese (174.392 euro), del Comune di Avigliana (123.831 euro) e del Comune di Chivasso (255.000 euro).

M.Sci

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium