/ Politica

Politica | 18 novembre 2019, 11:00

"Le strade turistiche montane patrimonio da valorizzare": la proposta di legge di Paolo Bongioanni [VIDEO]

Dal cicloturismo al mototurismo: il consigliere regionale cuneese di Fratelli d'Italia ha presentato una proposta di legge per valorizzare le strade montane, risorsa del territorio alpino piemontese

"Le strade turistiche montane patrimonio da valorizzare": la proposta di legge di Paolo Bongioanni [VIDEO]

Valorizzare in chiave turistica le strade montane. E' questa la proposta di legge presentata da Paolo Bongioanni, consigliere regionale di Fratelli d'Italia. L'obiettivo è quello di uscire sul mercato turistico nazionale e internazionale con un'offerta plurima, in grado di mettere a disposizione del turismo all'aria aperta un patrimonio straordinario come quello delle strade turistiche di montagna.

Bongioanni, prendendo come esempio la Via del Sale, vuole incentivare attività come il cicloturismo, l'escursionismo, il mototurismo e il cicloturismo a pedalata assistita: "Sì, mi sono ispirato alla Via del Sale, la strada sterrata che unisce il mare alla montagna con un percorso turistico regolamentato e pedaggiato". 

Ed è sulla scorta di questa esperienza, consapevole della grande offerta messa a disposizione dal Piemonte, che l'ex direttore dell’Atl del cuneese, valuta tre possibilità differenti di fruizione delle strade montane di interesse turistico: "Una libera, percorribile da chiunque. La seconda regolamentata e pedaggiata come la via del Sale, con temporalità di apertura e giorni in cui è permessa solo a biciclette a pedalata assistita o biciclette e altri giorni in cui è percorribile ai mezzi motorizzati, contingentati nel numero obbligati però a pagare con un ritorno economico che si riverbera sulla manutenzione della strada stessa. La terza soluzione prevede invece che sia limitata alle biciclette o ai mezzi con la pedalata assistita".

La proposta di legge, inoltre, prevede la mappatura e la nascita di un catasto delle strade turistiche di montagna, con un conseguente finanziamento per la manutenzione ordinaria, straordinaria e promozione, oltre ovviamente a una segnaletica orizzontale e verticale. 

L'idea di base del consigliere regionale Bongioanni (Fdi) è quindi quella di puntare fortemente su un turismo, quello all'aria aperta, sempre più in fase di espansione sia a livello nazionale che internazionale. Le ricadute, oltre che economiche, sarebbero poi anche strutturali e a beneficiarne sarebbero le strade turistiche, sterrate e asfaltate, dell'arco alpino torinese.

Comunicazione Politica

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium